SLT | Sport Latina | Us Latina Calcio | Serie B | Top Volley | Latina Basket | Latina Calcio a 5 & more...

A+ A A-

Tortona spezza l'idillio. Due gare interne per riprendere il passo vincente

UP

PASSERA, UN'AGGIUNTA DI ESPERIENZA - Un playmaker puro serviva e l'addizione di Marco Passera da Brescia che aveva portato alla scorsa promozione, è stato il migliore regalo di inizio anno per la Benacquista. Pur non ancora al top della condizione - per via di un infortunio e del fatto di aver giocato poco nella massima serie - nelle tre gare finora disputate ha visto aumentare il minutaggio e anche l'intesa con i compagni, che è ovviamente ancora da affinare, ma la sua esperienza è senz'altro utile a tutto il gruppo.

TOCCATO IL QUARTO POSTO RESTA IL RECORD POSITIVO - Le tre vittorie consecutive con Rieti, Siena e Treviglio hanno portato la Benacquista ad un insperato quarto posto, seppur condiviso con altre compagini, prima della sconfitta di Tortona che però non ha certo rovinato l'entusiasmo di trovare il team pontino in una situazione che fino a un mese fa non era preventivata. Il +1 tra vittorie e sconfitte è un segnale importante per auspici di qualcosa in più di una tranquilla salvezza.

POLETTI, ARLEDGE E RULLO SEMPRE IN DOPPIA CIFRA - Nelle tre gare disputate in questi nove giorni i due lunghi di Latina e Rullo, quest'ultimo anche per il gran numero di possessi palla che detiene nella manovra d'attacco, sono sempre andati in doppia cifra realizzativa e Mitch ha fatto la voce grossa anche a rimbalzo. Due lunghi con doti realizzative lontano da canestro sono un lusso per qualsiasi team, che siano poi vittorie o sconfitte questi ragazzi assicurano sempre il loro apporto offensivo.

 

DOWN

TOUR DE FORCE - Tre gare in nove giorni sono state fatali nella trasferta piemontese. Cavalcata convincente contro Siena, più fatica con Treviglio e resa a Tortona proprio nell'ultimo quarto in cui la stanchezza ha portato palle perse e 32 subiti tra cui 5 triple che hanno indirizzato la gara a favore dei padroni di casa ben più freschi e pronti in entrambi i lati. L'illusione di una vittoria c'è stato nel parziale di 10-0 all'inizio del terzo quarto, poi vanificata anche dalla buona aggressività messa dai padroni di casa che nell'ultima frazione oltre a trovare canestri dall'arco dei tre punti sono riusciti a recuperare meglio in situazioni difensive.

QUANDO IL GIOCO SI FA DURO, L'ATTACCO SOFFRE - L'attacco di Latina, a volte più fluido, a volte meno, dipende molto anche dal grado di aggressività avversario. Finora i terzi quarti sono stati sempre positivi in zona d'attacco per la Benacquista, soprattutto in situazioni di contropiede, in cui i ritmi alti hanno contribuito alla vittoria. Ma dall'altra parte poi gli avversari si sono adeguati e sia Treviglio che Tortona, con risultati diversi, hanno cercato di inserire quintetti alti proprio per mettere più intensità su giocatori di qualità che Latina possiede, dai lunghi alle guardie e mettere il corpo addosso alla fine ha provocato poco movimento offensivo, tiri con scarso ritmo e palle perse. Le tante armi offensive di Latina devono sempre essere messe in ritmo per poter funzionare. Evitare di abbassare l'intensità offensiva, mantenendo troppo il possesso fino agli ultimi secondi, non è sempre la scelta migliore.

ABITUDINI DIFENSIVE - Se con Siena e con Treviglio non è stato un fattore battezzare i lunghi dal perimetro, con Tortona i tanti cambi e le scelte, nell'ultima frazione, di voler cambiare sulla guardia e di lasciare spazio al lungo dal perimetro sono state improduttive, vista la buona percentuale dall'arco dei piemontesi (46%). Sono i cambi sistematici il vero problema, soprattutto se cercati costantemente dal play avversario. Trovare mosse adeguate alla situazione, anche cambi di difesa, possono essere un esperimento per abbassare la concentrazione e riprendere convinzione. Dalle buone difese nascono spesso buoni attacchi e risultati che portano alla vittoria.

 

WEEK ADVISOR

Le prossime due gare interne sono un vero e proprio test per la Benacquista per capire se il salto di qualità, vanificato a Tortona, può compiersi con due avversarie che vivono momenti diametralmente opposti.

Scafati, con cui i pontini abbinarono alla prima vittoria in trasferta anche il primo acuto della stagione, è tutt'ora il fanalino di coda, con sole 4 vittorie e probabilmente il roster varierà sin dalla prossima settimana, quando al mercato di riparazione cercherà dei rinforzi, contando di scambiare il lungo Baldassarre, probabilmente alla sua ultima gara con i campani e tra i migliori italiani del ruolo in questa mini-campagna acquisti.

La gara successiva invece contro Agrigento che, dopo una partenza non esaltante e con il ritorno del play-tascabile Piazza, si trova al terzo posto in classifica. Con i siciliani sarà una gara molto impegnativa, vista la pericolosità di un gruppo ben affiatato e guidato dal miglior assistman della categoria. Due partite che daranno una connotazione alle intenzioni della Benacquista. Banco di prova sarà il Palabianchini, un'arma in più che i tifosi dovranno cogliere per far prendere il volo ai propri beniamini.

Ultima modifica il
Torna in alto

Entra or Registrati

Hai un profilo Facebook?

Usa il tuo account Facebook per entrare in SportLatina.

fb iconEntra con Facebook

ENTRA