SLT | Sport Latina | Us Latina Calcio | Serie B | Top Volley | Latina Basket | Latina Calcio a 5 & more...

A+ A A-

Il Real Caffè/Moka Sirs vince 0-3 lo spareggio salvezza in casa del Dannunziana Pescara

Il Real Caffè/Moka Sirs torna vittorioso con un rotondo 0-3 dalla trasferta abruzzese in casa del Dannunziana Pescara nel match valido per la ventesima giornata del campionato nazionale di pallavolo femminile di serie B2. Con questo successo la squadra del presidente Alessandro Pozzuoli si aggiudica uno spareggio cruciale per la lotta salvezza e sale a quota 13 punti nella classifica del girone H e così, a sei giornate dal termine del campionato, la squadra di Sabaudia resta terzultima e staccata di appena tre lunghezze dalla zona salvezza rappresentata in questo momento dal Minturno che ha vinto il derby con il Cisterna 3-0 mentre il Coged Teatina Chieti è staccata di cinque punti (nell'attesa del posticipo con il Bari). A Pescara capitan Vaccarella e compagne vincono il primo set 18-25, poi nel secondo parziale la sfida è più serrata e ne viene fuori un rocambolesco 24-26 preludio al 13-25 che regala la gioia alla formazione pontina e penalizza le padrone di casa. Nel prossimo turno del 25 marzo il Real Caffè/Moka Sirs Sabaudia giocherà il derby laziale con il Sant'Elia Fiumerapido e sarà un'altra sfida tutta da giocare per questa complicata rincorsa salvezza.

Leggi tutto...

Super Giovolley, espugnata Isernia

Vince e convince la Giovolley, che torna al successo dopo la sconfitta interna con Santa Teresa. A Isernia si rivede la migliore Aprilia, concreta, decisa, con il giusto atteggiamento, un successo per 3-0 fondamentale non solo per mantenere la scia delle migliori del campionato, ma per il morale. In uno dei momenti più delicati della stagione la squadra di Tonino Federici ha saputo trarre profitto del lavoro fatto e soprattutto ha approfittato di un'Europea 92 non in perfette condizioni, infatti le molisane erano prive dell'alzatrice titolare. La Giovolley è scesa in campo giocando subito con un gran ritmo, buon cambiopalla e ottima la fase break, il muro è stato decisivo nel marcare le migliori della squadra avversaria. Aprilia è stata sempre avanti, conducendo dall'inizio alla fine con un buon ritmo, capitan Corvese ancora una volta tra le migliori sia a muro (ben 5), sia in attacco (58%). Ma tutta la squadra ha girato con percentuali migliori, manca ancora quella continuità del gioco. Il commento del tecnico Tonino Federici. "Brave ancora le mie ragazze per come hanno interpretato il match, siamo stati fortunati nel trovare un'Isernia deficitaria, nonostante questo abbiamo giocato un grande match, attenzione e concentrazione, tre punti fondamentali per la classifica perchè conquistati fuori casa. Cercheremo ora di allenare il sei contro sei per trovare quei meccanismi che vanno migliorati e oliati". Per Aprilia si tratta della settima vittoria nelle ultime dieci partite.

 

 

Leggi tutto...

PalaBianchini espugnato dopo quasi 4 mesi: vince Agropoli all'overtime (81-84)

Sconfitta amarissima per la Latina Basket che con Agropoli sciupa 11 punti di vantaggio negli ultimi 4 minuti dei tempi regolamentari per poi soccombere all'overtime. Si tratta della prima sconfitta interna dal lontano 27 novembre 2016 (75-81 con Trapani) che dunque va a interrompere una striscia di 8 vittorie casalinghe consecutive dei pontini. Mitchell Poletti chiude con 23 punti, 15 rimbalzi e 5 assist. Roberto Rullo (14 punti), Lorenzo Uglietti e Andrea Pastore (11 a testa) sono gli altri nerazzurri in doppia cifra. Per Agropoli, Kevin Langford è il top scorer con 23 punti. Fondamentale, per gli ospiti, il contributo dato da Mattia Soloperto (16 punti e 11 rimbalzi) e da Marco Contento (19 punti e 4 recuperi).

[1Q] L'avvio di frazione è poco favorevole per Latina, con gli ospiti che mostrano l'aggressività giusta sin da subito. Uglietti trova in Santolamazza un cliente tanto esperto quanto scomodo mentre Carenza e Contento sono prontissimi nella metà campo offensiva. Un canestro in post basso di Langford costringe coach Gramenzi a chiamare timeout (4-12, -4'37”). Dopo il minuto di sospensione, l'allenatore pontino cambia progressivamente le carte in tavola con diversi cambi, anche perché DeShields e Uglietti hanno già due falli a carico. L'ingresso in campo di Passera, in particolare, sembra rivitalizzare l'attacco nerazzurro. Sul parquet c'è anche Rullo che celebra il ritorno in campo dopo il lungo infortunio mettendo subito un canestro da sotto. Un suo 2/2 ai liberi a 9” dalla fine fissa poi il punteggio di fine quarto sul 19-21.

[2Q] La Latina Basket ha ormai cominciato a cambiare volto mentre Agropoli accusa problema evidenti nel difendere il pitturato, i nerazzurri lo sanno bene e attaccano il canestro con una certa insistenza approfittando dei buchi lasciati: prima Poletti, raddoppiato, serve un bel pallone per l'appoggio facile di Allodi e pochi secondi dopo premia l'assist di Passera con il lay-up del 27-23. Finelli, a quel punto, ha visto abbastanza e chiama timeout (-6'45”). L'andazzo, però, non cambia granché: i campani perdono colpi offensivamente, prendono tiri forzati e vedono scendere le proprie percentuali (5/20 dal campo nel quarto). La Benacquista potrebbe approfittarne più di quanto non faccia poi realmente, andando negli spogliatoi avanti sul 37-31 con Arledge che sventa il possibile -4 ospite con una gran stoppata su Contento lanciato in contropiede negli ultimi secondi.

[3Q] Se i punti in area erano stati il leitmotiv latinense nel primo tempo, il terzo quarto viene invece inaugurato da due triple, una di Poletti e una di Uglietti, che consegnano ai nerazzurri il primo vantaggio in doppia cifra della partita (43-33, -7'25”). A quel punto però Agropoli si ridesta improvvisamente, gioca con un'efficacia offensiva mai vista prima nell'incontro e mette in piedi un parziale di 11-1 tutto firmato da Soloperto e Langford (44-44, -3'50”). Latina risponde al momento di crisi tornando a colpire dall'arco, stavolta con Pastore e DeShields (52-46, -2'05”). Negli ultimi due minuti i padroni di casa non trovano altri canestri dal campo e la frazione si chiude sul 54-50.

[4Q] L'inizio dell'ultimo periodo è tosto per i nerazzurri, gli spazi aperti visti spesso nel secondo quarto sono ormai molto più rarefatti e l'attacco stagna. Latina tiene la testa avanti ma Agropoli è sempre pericolosamente intorno al possesso di distanza. A metà frazione, Pastore sale in cattedra e assesta tre colpi che potrebbero far svoltare la partita: nel giro d'un minuto, il latinense infila due triple e serve un ottimo assist per il taglio a canestro di DeShields. Insomma, in un attimo, la Benacquista passa dall'affanno al massimo vantaggio (66-55) con 4'24” sul cronometro. Agropoli però non vuol saperne di mollare e, piano piano, si riporta a contatto nel punteggio. A 49” dalla fine, Contento mette il libero del -3. Nell'azione successiva, Poletti sbaglia la tripla che avrebbe potuto chiudere il match. Sempre Contento, in maniera assolutamente rocambolesca, premia una rubata di Santolamazza con la tripla del 70 pari a 4” dalla fine. Latina però pasticcia per la seconda volta di seguito e commette un'infrazione di campo dalla rimessa. Due secondi sul cronometro, la palla è dei campani che però, con l'errore di Delas, non trovano il canestro della vittoria: è overtime.

[OT] Il supplementare comincia nel peggiore dei modi, ovvero con un parziale di 6-0 che pone Agropoli saldamente avanti nel punteggio (70-76, -3'46). Durante l'ultimo giro di lancette, gli ospiti hanno sempre due possessi di vantaggio ma Latina riesce, incredibilmente, a riaprire la partita con due liberi di DeShields e una tripla di Rullo dopo una pazzesca rubata a metà campo (81-82, -36”). Nell'azione successiva, la difesa pontina è eccellente e forza la persa degli avversari ma, passata la metà campo, Agropoli è brava a stringere le proprie maglie difensive: Rullo, marcato stretto, commette passi a 5” dalla fine. Contento viene mandato in lunetta con 2.4 secondi da giocare, fa 2/2 e il disperato tentativo da metà campo di Rullo non trova il canestro: vince Agropoli, 81-84.

Leggi tutto...

Axed Group cade in casa del Kaos

L'Axed Group perde in trasferta sul campo del Kaos Futsal Ferrara. Finisce 4-2 per i padroni di casa, nonostante i nerazzurri siano riusciti ad andare momentanemante sul 2-2 dopo essere andati sotto di due reti.

PRIMO TEMPO I padroni di casa iniziano con Timm, Saad, Vinicius, Fernandao e Kakà, mentre il Latina presenta Chinchio tra i pali, Corso, Battistoni, Avellino e Maina.
Il Kaos Futsal parte all'attacco e all'8'13'' trova la rete del vantaggio grazie a Tuli, che perfeziona una azione corale dei padroni di casa. I padroni di casa collezionano parecchi falli e al 10'06'' manda il Latina al tiro libero, con Avellino che si fa ipnotizzare dall'estremo difensore ferrarese. Poco dopo è lo stesso argentino a salvare sulla linea il possibile raddoppio di Fernandao. Il Kaos iniste e con Titon al 12'13'' riesce a trovare la rete del 2-0. Ma i pontini non mollano e con Battistoni al 16'19'' sotto porta, sugli sviluppi di un calcio piazzato, trovano il gol che riapre la gara.

SECONDO TEMPO Nel secondo tempo il Latina cerca di pareggiare l'incontro, ma si espone anche a qualche ripartenza pericolosa del Kaos. Poi, però, all'8'52'' dopo un gran lavoro di Maina è Avellino a trovare lo spazio giusto per pareggiare il match. Le due squadre cercano la rete, i padroni di casa colpiscono due pali con Kakà, ma poi riescono a passare di nuovo in vantaggio nel finale con Vinicius sugli sviluppi di un calcio d'angolo.

Basile schiera il portiere di movimento, ma la mossa della disperazione non paga, visto che negli ultimi istanti Fernandao sigla il gol del definitivo 4-2.

Leggi tutto...

Corvia salva il Latina: pareggio in rimonta con il Pisa

Manaj apre le marcature al 5' del secondo tempo, Corvia risponde al 35': tra Pisa e Latina finisce 1-1

PRE-PARTITA - Il trentunesimo turno del torneo cadetto mette di fronte Pisa e Latina, due formazioni che coabitano nei bassifondi della classifica: toscani in 17/a posizione con 32 punti raccolti fino a questo momento, pontini in 18/a piazza con 31 punti conquistati. I nerazzurri laziali incontrano all'Arena Garibaldi la formazione meno prolifica del campionato: il Pisa è la squadra di Serie B che vanta l'attacco più sterile, solo 17 le reti segnate. Se in attacco le cose non vanno bene, è la difesa a regalare gioie: i pisani possono fregiarsi del titolo di squadra meno bucata del torneo con solo 20 gol subiti fino ad oggi. Nella formazione proposta da Vivarini si notano tante novità: cambio di modulo con il ritorno al 3-5-2 composto da Pinsoglio in porta, Brosco, Dellafiore e Coppolaro sulla linea difensiva, Rolando, Rocca, De Vitis, Mariga e Bruscagin ad orchestrare il centrocampo, completano la formazione la coppia offensiva formata da Insigne e Buonaiuto. Nessun centravanti naturale per i nerazzurri. Esclusi dall'undici iniziale il difensore Garcia Tena e l'attaccante Corvia. Gennaro Gattuso risponde con il 4-3-1-2: in porta opererà l'ex Ujkani, in difesa spazio a Mannini, Del Fabro, Milanovic e Longhi, centrocampo a tre composto da Angiulli, Di Tacchio e Verna, in avanti maglia da titolare per Manaj e Masucci con Tabanelli a sostegno. Arbitra il confronto il sig. Marinelli di Tivoli.

PRIMO TEMPO - Il primo pallone del match viene toccato dai padroni di casa, ma il primo tiro in porta è di marca pontina: al 4' Buonaiuto intercetta sulla trequarti la sfera e colpisce al volo, nessun problema per Ujkani che blocca a terra il debole tiro del numero 10 nerazzurro. Il Pisa risponde al 8' con Manaj che, ricevuto il pallone in area da Longhi, trova l'efficace muro di Brosco. La prima frazione di gara non offre un grande spettacolo, tanto agonismo in campo ma poche azioni degne di nota. Come quella che avviene al 32': Buonaiuto in progressione fa tutto da solo, e dai 20 metri lascia partire un lento tiro che va a spegnersi sul fondo del campo. Al 39' Brosco va a prendersi un giallo pesantissimo: diffidato, salterà la delicatissima sfida di domenica prossima al Francioni contro la Pro Vercelli. Al 45' Marinelli concede un minuto di recupero che non regala emozioni e pone fine ad un brutto primo tempo dove Pisa e Latina sembrano aver accusato la pressione di questa fondamentale sfida.

SECONDO TEMPO - Il secondo tempo parte con una novità nelle file nerazzurre: fuori Rolando, dentro Corvia. Al 4' minuto Buonaiuto spreca una grande occasione con un destro calciato dalla distanza che va a finire lontano dalla porta. Un minuto più tardi i padroni di casa si portano in vantaggio: Verna apre per Longhi, assist in area raccolto da Manaj che, in anticipo su Bruscagin, castiga Pinsoglio con un tocco sporco di coscia destra. il Latina prova a reagire al 13' con Insigne che, partito dalla corsia destra, rientra sul sinistro e prova la conclusione murata dalla difesa pisana. Al 18' arriva anche la seconda sostituzione per Vivarini che fa entrare in campo De Giorgio per Mariga. Una scelta vincente per il tecnico di Ari che viene premiato dal 33enne di proprietà del Crotone con una prestazione di sostanza. Ed è proprio Di Giorgio a provarci al 20' con un potente mancino murato da Milanovic. Il Latina spinge forte sull'acceleratore cercando la rete del pareggio in tutti i modi, sforzi che vengono premiati al 35' quando Corvia, imboccato in area da un superbo cross di De Giorgio, tutto solo insacca di testa la rete dell'1-1. Gli ultimi dieci minuti di gara vedono un Latina arrembante alla disperata ricerca del gol vittoria: a provarci per primo è Buonaiuto che, servito da De Giorgio, con un potente tiro mancino costringe Ujkani ad un super intervento all'incrocio dei pali. Sessanta secondi dopo Vivarini esaurisce i cambi, sostituendo Buonaiuto per Jordan. Ed è proprio il croato a spaventare l'Arena Garibaldi centrando il palo con un tiro potente, sforzo comunque inutile visto che l'arbitro aveva fermato tutto per fuorigioco. Da segnalare, nei tre minuti di recupero, una conclusione alla lunga distanza di Corvia, alta sopra la traversa. È l'ultimo sussulto di una gara che regala un punto a testa alle due formazioni.

Non poteva che regalare un pareggio la sfida dell'Arena Garibaldi tra Pisa e Latina, due squadre abituate al segno "X", 16 per i padroni di casa e 17 per i pontini. Un punto che non accontenta nessuno, maturato in una gara poco spettacolare per gran parte del tempo. Grande prestazione di De Giorgio, fondamentale con il superlativo cross vincente per la rete del pareggio di Corvia. Il Latina torna a casa con la consapevolezza che nessuna sfida è proibitiva, ma per salvarsi (complice anche la prevista penalizzazione in classifica) sarà fondamentale conquistare l'intera posta in palio, già dal prossimo turno quando al Francioni gli uomini di Vivarini sfideranno la Pro Vercelli nell'ennesimo scontro diretto della stagione.

LE ALTRE DI B - Il Frosinone rialza la testa e schianta 3-0 il Vicenza al Matusa, ancora vittoriosa la Spal che regola in trasferta il Carpi 4-1. Bari travolto a Trapani 4-0, crisi senza fine per il Benevento che nell'anticipo viene sconfitto in trasferta dal Perugia.

Ieri (20.30):

Perugia - Benevento 3-1

Oggi (ore 15.00):

Pisa - Latina 1-1

Ascoli - Cittadella 2-1

Avellino - Novara 1-1

Brescia - Spezia 1-1

Pro Vercelli - Hellas Verona 1-1

Carpi - Spal 1-4

Trapani - Bari 4-0

Frosinone - Vicenza 3-1

Domani (ore 17.30):

Cesena - Ternana

Lunedì (ore 20.30):

Virtus Entella - Salernitana

Leggi tutto...

Latina espugna Milano e riapre la serie

La Top Volley espugna il campo della Revivre Milano e si aggiudica la gara di ritorno degli ottavi Superlega Playoff Challenge UnipolSai. Il passaggio ai quarti verrà deciso mercoledì alle 20.30 al PalaBianchini nella bella, chi vincerà affronterà Piacenza. Bagnoli cambia alcune pedine inserendo Klinkenberg e Ishikawa dalla prima palla e ruota i centrali, poi trova in Penchev il terminale di attacco a fianco di Fei autore di 26 punti e il 63% in attacco. Ma Latina cresce anche a muro mettendone a segno ben 12 (contro 7) solo nel secondo parziale scendono le percentuali in attacco e i pontini lasciano il set a Milano, mentre nel quarto riescono a rimontare dall'8-4 iniziale.
Luca Monti schiera Sbertoli al palleggio e Adamajtis opposto, De Togni e Galassi centrali, Hoag e Skrimov schiacciatori, Cortina libero. Daniele Bagnoli risponde con Sottile in regia e Fei opposto, Rossi e Gitto al centro, Klinkenberg e Ishikawa di banda, Fanuli libero.
Grande equilibrio in avvio poi i muri di Latina (Sottile e Gitto) e gli attacchi di Fei per il 9-12, un ace di Skrimov accorcia le distanze, ma Fei e Ishikawa (ace) allungano 15-19 e lo stesso Fei chiude 21-25. Parte bene Milano nel secondo set portandosi 7-2, un muro di Gitto accorcia 11-8, Bagnoli cambia le bande con Maruotti e Penchev in campo, e si va 14-12, ma i locali con Hoag allungano 19-14, prima Gitto (muro), poi Fei e quindi Klinkenberg (accorciano 24-23 ma Galaverna chiude 25-23. Equilibrio in avvio di terzo set con gli ace di De Togni e Rossi e i muri di Klinkenberg e De Togni, dentro Penchev che allunga 11-14 e Fei porta il 15-19, poi Rossi il 17-22, Sbertoli (ace) accorcia 22-24 ma Ishikawa chiude 22-25. Quarto set con Penchev e Tondo confermati in campo e Milano ruota la formazione, Milano si porta con Adamajtis 8-4, i muri di Sottile e Penchev ricuciono sul 13-13, poi Fei e Ishikawa allungano sul 14-17, Hoag e Nielsen riportano la parità sul 22-22, ma Ishikawa chiude con un muro la gara sul 24-26.

Leggi tutto...

Il Latina fa visita al Pisa di Gattuso. Vivarini: "Sfida importante, abbiamo lavorato tanto sul morale"

Trasferta sotto la torre per il Latina: gli uomini di Vivarini ospiti del Pisa di Gennaro Gattuso nell'ennesimo scontro diretto della stagione. Il tecnico pontino ha presentato la difficile sfida contro i toscani: "Questa settimana abbiamo lavorato tantissimo, soprattutto sulla testa. Veniamo da una partita pesante a livello psicologico, nella quale volevamo a tutti i costi il risultato e abbiamo speso tantissimo. Abbiamo accusato un po’, a livello psicologico, la partita col Carpi. C’è stato un lavoro per tirare su il morale, dare entusiasmo ed esuberanza alla squadra. Penso che abbiamo fatto un buon lavoro, ho visto la squadra sia ieri che stamattina abbastanza convinta sulle cose da fare a Pisa. I nostri avversari corrono tanto, c’è da lavorare tantissimo per cercare di fare risultato. È uno scontro diretto, c’è da essere molto bravi a non perderlo. Dobbiamo cercare di tirar fuori il meglio da noi e metterli in difficoltà attraverso le qualità che abbiamo sempre messo in evidenza". Il centrocampista Filippo Bandinelli, squalificato, non scenderà in campo. Molto probabile l'utilizzo di Mac Donald Mariga: "E' in buona condizione. Aveva accusato il contraccolpo di qualche errore, ma nelle ultime due settimane l’ho visto abbastanza pimpante e motivato. Si candida sicuramente per una maglia da titolare. In questo momento si cerca di stare attenti a tutte le soluzioni e di dare considerazione a tutti". Il reparto meno produttivo della formazione nerazzurra è sicuramente quello offensivo, pochi ricambi e tante bocciature del tecnico pontino, che comunque lascia aperta la porta del campo a tutti i calciatori della rosa: “Ho grande considerazione di tutti, ma il discorso è questo. Stiamo lavorando in un campionato di serie B e in Italia, non ci possiamo permettere il lusso di non considerare tutte le forze che abbiamo a disposizione, sia Jordan che Negro, così come Buonaiuto, Insigne e Corvia. Quando le cose non vanno bene chi sta fuori è sempre il migliore, ma non dobbiamo sottovalutare nessuna forza a disposizione. Negli allenamenti do considerazione a tutti, mercoledì lo avete visto perché non faccio una squadra di titolari e metto gli altri in secondo piano. Si va a guardare bene, in questo momento tutti possono e devono dare una mano. Il Pisa ha sette attaccanti di primo ordine, da Masucci a Cani, da Peralta a Varela passando per Gatto, noi in questo momento siamo un po’ stretti in quel reparto e dobbiamo dare importanza a qualche giovane che spero possa esplodere e darci una grossa mano”. Il tecnico di Ari, accompagnato da capitan Bruscagin, ha incontrato nella giornata di ieri il sindaco di Latina Damiano Coletta e il presidente dell'AIC Damiano Tommasi: "Era una cosa che avevo già chiesto a voi e a tutta la città e al sindaco. In questo momento non voglio e non posso stare sempre a dire le difficoltà in cui ci troviamo. La società è fallita ed è un dato di fatto, non devo spiegare io le conseguenze di questa situazione. Abbiamo una fortuna che è l’esercizio provvisorio che ci dà la possibilità di arrivare a un traguardo importantissimo che è la salvezza. Ci si arriverà negli ultimi giorni del campionato, bisogna essere tutti concentrati per far sì che si ottenga questo obiettivo. Da parte nostra ce la stiamo mettendo tutta, non ho mai lavorato come sto facendo in questo momento. Uno dà l’anima in tutto quello che può fare, i giocatori altrettanti. Dopo la partita col Carpi ho visto la faccia dei giocatori, hanno preso veramente a cuore questo progetto e questa città e vogliono assolutamente ottenere la salvezza. C’è bisogno di aiuto da parte di tutti, l’ho detto anche al sindaco e speriamo di riuscire ad avere quell’unità d’intenti che porta sicuramente risultati. L’unione fa la forza, insieme possiamo arrivare all’obiettivo".

Leggi tutto...

Le Fiamme Gialle alla Prima Regata Regionale del 2017

Domenica 19 marzo, dalle ore 9, il lago di Paola sarà il palcoscenico per i canottieri che parteciperanno alla prima Regata Regionale del 2017. Una competizione che apre ufficialmente la stagione agonistica a solamente due settimane dal primo appuntamento nazionale che si svolgerà a Piediluco (TR) nel week end del 8 e 9 aprile.

Le Fiamme Gialle parteciperanno con la squadra al completo sia Giovanile che Senior. I Tecnici gialloverdi Rocco Pecoraro, Nicola Moriconi e Alessio Sartori, avranno il compito di valutare con attenzione ogni singola prestazione per adottare dei correttivi, qualora ce ne fosse bisogno, in vista del primo Meeting Nazionale di aprile. Seppur una gara regionale, quella di domenica a Sabaudia, sarà una gara di alto livello, in quanto, la Nazionale Olimpica di canottaggio, terminerà il Collegiale in corso nella cittadina pontina, proprio con la partecipazione alla regata.

Le Fiamme Gialle tra i Senior schiereranno Valentina Rodini, Romano Battisti, Giacomo Gentili, Simone Venier, Luca Rambaldi, Matteo Stefanini, Emanuele Fiume, Mario Paonessa e Paolo Perino.


La Sezione Giovanile sarà formata da 43 canottieri. Un numero importante per un movimento in continua crescita: Gabriele D'Alfonsi, Andrea Ruggeri, Simone Tranquilli, Elio Fiore, Davide Miatello, Salvatore Pane, Siamone Ciardulli, Giovanni Lo Sordo, Gianluca Faraci, Samuele Scalambra, Mattia Falanga, Jerry Canciani, Stefano Meoli, Silvia Capozzi, Luca Di Girolamo, Pierpaolo Capodilupo, Matteo Cardinali, Stefano Cicerano, Francesco Falini, Marco Frainetti, Marco Miatello, Flavio Magherini, Jacopo Sartori, Thomas Candido, Jacopo Chiapponi, Jacopo Faedo, Sara Marchesini, Davide Tovo, Matteo Sartori, Jacopo Brucoli, Gianmarco Chiapponi, Lorenzo Semenzato, Christian Sarappa, Samuele Vena, Devid Gesmundo, Diego Lambiase, Marco Bertazzoli, Giulia Zaffanella, Natali Ferrieri Manoche, Giulia Samiec, Camilla Cattaneo, Irene Lodo e Lara Maule.

Leggi tutto...

Axed Group k.o. con il Rieti

L'Axed Group perde in casa contro il Real Rieti e rimanda l'appuntamento con la qualificazione ai play off. Dopo l'iniziale vantaggio di Bernardez, gli ospiti ribaltano completamente il risultato chiudendo sul punteggio di 5-1.

PRIMO TEMPO

I nerazzurri schierano Chinchio tra i pali, Avellino, Bernardez, Corso e Maina, mentre il Real Rieti presenta Micoli in porta, Corsini, Calderolli, Cesaroni e Duio.

Al primo assalto il Latina va in vantaggio, con Avellino che serve su un piatto d'argento il pallone dell'1-0 a Bernardez, abile nel dribblare il portiere e depositare a porta vuota. La risposta degli ospiti non tarda ad arrivare e al 6' Duio pareggia i conti con un sinistro violento da fuori che, a causa di una deviazione, termina alle spalle di Chinchio. Poco dopo è lo stesso Duio in contropiede a sprecare l'occasione per portare in vantaggio i reatini. Al 9' Maina va ad un passo dalla rete con una gran botta da fuori, poi è Calderolli a colpire il palo con una bella conclusione dal limite dell'area. Ma al 9'41'' ancora una deviazione sfortunata sul tiro di Cesaroni da fuori beffa Chinchio e il Rieti si ritrova avanti. Dopo venti secondi ancora a segno gli ospiti con Calderolli sugli sviluppi di un calcio di punizione.

Dopo aver subito il terzo gol il Latina va all'attacco e con Avellino al 15' sfiora il gol, ma Micoli disinnesca con i piedi la botta dalla distanza dell'argentino. Sempre argentino ci prova da fuori al 19' e ancora una volta Micoli compie un grande intervento. Il primo tempo termina così 1-3.

.

SECONDO TEMPO

Ad inizio ripresa i nerazzurri partono forte, ma Micoli si dimostra superlativo in almeno due occasioni. Attacca solo il Latina e Avellino al 5' con una conclusione di sinistro dal limite, accarezza solamente il palo. Il monologo nerazzurro non produce effetti, perché ad ogni occasione Micoli è in serata di grazia e non sbaglia un intervento. Ci provano in sequenza Maina, Bernardez e Amoedo, senza però troppo successo. E così in contropiede Calderolli realizza il gol del 4-1 in contropiede, dopo un fallo di mano non ravvisato dagli arbitri. Sempre Calderolli a 5' dalla fine trova ancora il varco per segnare il quinto gol degli ospiti. Nel finale il Latina cerca almeno di accorciare le distanze, senza però trovare la via della rete. Finisce così 5-1 per la formazione ospite.

Leggi tutto...

Regolanti, il ginocchio fa crack: stagione finita

Infortunio al ginocchio e stagione finita per il giovane attaccante del Latina. Operazione chirurgica prevista per domani mattina.

Stagione finita per l'attaccante classe '94 Giuliano Regolanti. Il centravanti del Latina, non convocato nell'ultima gara persa dal Latina contro il Carpi, ha subito un infortunio al tendine rotuleo del ginocchio, come comunicato dallo stesso Regolanti sul proprio profilo Instagram.

Il giovane attaccante di Anzio verrà operato nella giornata di domani da Agostino Tucciarone, medico della società pontina. Una brutta tegola per Vincenzo Vivarini che perde nel momento più delicato della stagione un'importante pedina in un reparto uscito indebolito dal mercato di dicembre: le uniche alternativa a Corvia per il tecnico nerazzurro portano i nomi di Negro e Jordan.

Regolanti, accasatosi al Latina lo scorso 24 ottobre, ha collezionato in stagione 5 presente e 1 gol, quello segnato all'esordio con la casacca nerazzurra nella trasferta di Vercelli contro la Pro, rete che valse al Latina un importante e insperato pareggio arrivato in extremis.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Entra or Registrati

Hai un profilo Facebook?

Usa il tuo account Facebook per entrare in SportLatina.

fb iconEntra con Facebook

ENTRA