SLT | Sport Latina | Us Latina Calcio | Serie B | Top Volley | Latina Basket | Latina Calcio a 5 & more...

A+ A A-

Latina sempre più giù, contro la Salernitana arriva la quarta sconfitta consecutiva

Allo Stadio Arechi arriva la quarta sconfitta consecutiva per il Latina: De Giorgio illude, Rosina e Sprocari firmano la rimonta. Ora per i nerazzurri la retrocessione è dietro l'angolo.

PRE-PARTITA - La zona play-out dista solo quattro lunghezze e il Latina, ultimo in classifica con soli 31 punti raccolti, è obbligato a conquistare il bottino pieno contro la Salernitana per alimentare la fiammella della speranza salvezza. Gli uomini di Vivarini sono reduci da tre sconfitte consecutive e non segnano da quasi 400’. Di fronte, nel giorno di Pasquetta, i nerazzurri troveranno la Salernitana, vogliosa di riscattare la sconfitta arrivata nel precedente turno al Liberati contro la Ternana. Vivarini sorprende tutti ed esclude dall’undici iniziale Bruscagin e Buonaiuto. A difendere la porta nerazzurra ci sarà Pinsoglio, in difesa maglia da titolare per Coppolaro, Dellafiore e Garcia Tena, centrocampo a quattro formato da Nica, Pinato, Mariga e Di Matteo, chiude la formazione il reparto offensivo con Corvia e la coppia Insigne e De Giorgio sugli esterni. Bollini schiera i suoi con il 4-3-3 lasciando in panchina Donnarumma e Perico. In porta opererà Gomis, Bernardini, Tuia, Schiavi e Vitale nelle retrovie, a centrocampo giocherà il trio Ronaldo - Della Rocca - Odjer, in attacco spazio a Rosina, Coda e Sprocati. Dirige il confronto il Sig. Antonio Rapuano di Rimini. 

PRIMO TEMPO - Il primo pallone del match viene toccato dai nerazzurri, nei primi diciotto minuti di gioco succede poco o nulla ma al 19’ arriva la prima occasione per i padroni di casa, ovvero il pallonetto del nigeriano Odjer che spaventa Pinsoglio. Il tiro però non è preciso e la sfera va a finire alta sopra la traversa. I nerazzurri provano a reagire due minuti più tardi con Corvia che, invitato da Insigne, non trova di poco lo specchio della porta dopo aver schiacciato il pallone con un impreciso colpo di testa. La gara non decolla ma a cinque minuti dalla fine del primo tempo i nerazzurri passano in vantaggio: Insigne con uno splendido passaggio filtrante serve De Giorgio, l’ex Crotone raccoglie l’invito, brucia in velocità Schiavi e Tuia, e castiga Gomis con un preciso diagonale toccato dal portiere granata. Esplode la gioia del 34enne che, dopo un’esultanza sopra le righe, va a beccarsi il cartellino giallo. La Salernitana non ci sta e prova subito a riportare in equilibrio il match con Della Rocca che al 42’, dopo un’ottima incornata propiziata da Rosina, trova la grande risposta di Pinsoglio che con un colpo di reni salva in calcio d’angolo. Al 45’ Rapuano non codede recupero e manda le due squadre al riposo sul parziale di 1-0 a favore del Latina. 

SECONDO TEMPO - Stessi schieramenti della prima frazione di gara per le due squadre che tornano in campo dopo i consueti 15’ di riposo. La Salernitana riparte in quinta chiudendo il Latina nella propria metà campo, provando a raddrizzare il risultato già al 2’ con Sprocari che, con una velenosa conclusione tesa dalla distanza, trova la pronta risposta in tuffo di Pinsoglio. Ad andare vicino al gol al 7’ è invece Bernardini che tenta di superare Pinsoglio con un colpo di testa a due passi dalla porta avversaria, efficace la risposta del portiere nerazzurro. Il copione ormai è sempre lo stesso per i nerazzurri che giocano un primo tempo di sostanza e un secondo di pura sofferenza. Il pareggio ospite è nell’aria e arriva al 10’ quando Donnarumma serve Rosina che, dopo una prima conclusione deviata, insacca alle spalle di Pinsoglio con un bel tiro angolato. Devastante l’approccio alla gara di Donnarumma che dopo appena due minuti dal suo ingresso in campo al posto di Odjer propizia la rete del pareggio. Il Latina continua a soffrire e Vivarini al 15’ gioca la carta Buonaiuto: a lasciare posto all’ex Perugia è l’autore del gol De Giorgio. Nonostante l’ingresso in campo di forze fresche l’andamento del match non cambia, è ancora la Salernitana a cercare la rete del vantaggio, questa volta con Coda che al 18’ mette i brividi al popolo nerazzurro centrando in pieno la traversa con una potente incornata. Ora il Latina è alle corde e Vivarini butta nella mischia anche Rolando al posto di Nica. La pressione dei padroni di casa viene premiata al 33’ quando Sprocati, ritrovatosi il pallone tra i piedi dopo un rimpallo, trova la rete del vantaggio grazie ad un efficace diagonale mancino che non lascia scampo a Pinsoglio. La quarta sconfitta consecutiva è vicina e Vivarini al 36’ opera l’ultimo disperato cambio: dentro il giovane Di Nardo, fuori Di Matteo. E lo stesso Di Nardo, con un’inzuccata insidiosa su cross di Rolando, manda la sfera di poco alta al 39’. Al 42’ Donnarumma ha l’occasione di chiudere definitivamente il match: l’ex Teramo, pupillo di Vivarini, riceve il pallone da Coda, aggancia il pallone e tenta un insidioso tiro col piede mancino, pronta la risposta di Pinsoglio che manda in corner il pallone. Ormai il match non ha più nulla da dire, e dopo 3’ di recupero Rapuano pone fine alle ostilità. 

La speranza è ultima a morire ma chi di speranza vive, disperato muore. Si può riassumere così questo 36° turno di Serie B, per la prima volta in campo nel Lunedì dell’Angelo, dove il Latina subisce la quarta sconfitta consecutiva. La speranza di salvare il campionato cadetto si è forse definitivamente spenta all’Arechi dove il Latina, dopo il solito primo tempo convincente, butta tutto all’aria nella seconda frazione di gara facendosi prima recuperare da Rosina e poi sorpassare da Sprocari. La zona play-out dista sei lunghezze e, fino a quando la matematica non li condannerà, i nerazzurri dovranno provare a raccogliere più punti possibili, sperando anche in qualche passo falso delle dirette concorrenti. Il Latina tornerà in campo sabato prossimo per un sfida più che proibitiva: al Francioni arriverà la capolista Spal, sempre più lanciata verso la Serie A.

LE ALTRE DI B - Novara corsaro al Matusa, Frosinone raggiunto al secondo posto dal Verona vittorioso in casa contro il Cittadella. Vince anche la Spal nell’anticipo delle 12:30, cade il Benevento a Brescia, gioia Carpi contro il Bari. 

Oggi (ore 15.00):

Spal - Trapani 2-1 (12.30)

Hellas Verona - Cittadella 2-0

Perugia - Ascoli 0-0

Vicenza - Pro Vercelli 0-1

Brescia - Benevento 1-0

Salernitana - Latina 2-1

Carpi - Bari 2-0

Virtus Entella - Ternana 1-1

Frosinone 2 - Novara 3

Pisa - Avellino (18.00)

Cesena - Spezia (20.30)

Informazioni aggiuntive

Leggi tutto...

Latina e Salernitana si dividono la posta: 1-1 firmato Scaglia e Coda

La sfida del 15° turno di Serie B tra Latina e Salernitana finisce in parità: 1-1 il risultato finale. A segno Scaglia per i nerazzurri e Coda per i granata. Buona prestazione del Latina nella settimana più difficile.

Per il Latina è arrivato il momento di tornare in campo e di lasciare da parte (almeno per oggi) le beghe societarie scoppiate in settimana e culminate con le dimissioni del presidente Pasquale Maietta, indagato nell’ambito delle operazioni Starter e Olimpia. Vivarini, che oggi non siederà in panchina a seguito della squalifica arrivata dopo l’allontanamento in quel di Vicenza, ha provato ad isolare la squadra in settimana dirigendo le sedute di allenamento a porte chiuse. Il tecnico nerazzurro sarà sostituito in panchina dal preparatore atletico Antonio Del Fosco. Il Latina, reduce da due vittorie consecutive, cerca il tris schierandosi in campo con il 3-4-3 (mascherato col 3-5-2). In campo si rivede Brosco dal primo minuto, per il resto giocheranno gli stessi uomini che hanno battuto il Vicenza incluso il duo d’attacco Corvia-Acosty. Ancora indisponibili Boakye, De Vitis e Pinato. Formazione offensiva per Sannino che sistema la Salernitana con il modulo 3-4-1-2. Schiavi torna titolare al centro della difesa, in avanti spazio al pericoloso trio Rosina-Coda-Donnarumma. 

PRIMO TEMPO – Il primo tiro in porta della partita è di marca nerazzurra: al 6’ Corvia invita Scaglia sulla destra, l’ex Brescia entra in area avversaria e prova la conclusione deviata in corner da Terracciano. Sugli sviluppi del calcio d’angolo è Corvia a rendersi pericoloso, staccando in area di rigore e mandando di poco fuori la sfera. Dopo un inizio di gara a ritmi elevati, le squadre iniziano a giocare il pallone a centrocampo studiandosi e annullandosi a vicenda. Al 16’ improvvisa conclusione dalla distanza di Scaglia che, con il sinistro, mette ancora una volta in apprensione Terracciano: il portiere granata riesce comunque ad arrivare sul pallone mandandolo di nuovo in corner. Per assistere al primo tiro in porta degli ospiti bisogna aspettare 32 minuti quando Pinsoglio, vestendo i panni da supereroe, dice “no” per due volte alle conclusioni di Coda e Odjer. Al 43’ si registra l’allontanamento dalla panchina di Sannino per aver pronunciato una frase blasfema. Pinzani concede 3 minuti di recupero, e proprio negli ultimi 60 secondi di extra time in area di rigore Acosty, lanciato in rete, viene atterrato da Tuia: per il fischietto toscano si può proseguire. Decisione dubbia che provoca le proteste dei nerazzurri e la conseguente ammonizione di Pinsoglio.

SECONDO TEMPO – Le squadre rientrano in campo con gli stessi 22 uomini che hanno portato a termine i primi 45’, ma dopo appena 3 minuti l’infortunato Odjer deve lasciare il posto a Della Rocca. Al 5’ arriva il vantaggio nerazzurro: scambio del pallone tra Acosty e Bandinelli sulla fascia sinistra, cross dell’ex Fiorentina in area di rigore e tiro mancino di Corvia deviato da un difensore salernitano. Ad avventarsi sul pallone è Scaglia che insacca da due passi alle spalle di Terracciano: 1-0 e Francioni in delirio. Buon avvio della ripresa per il Latina che appena 5 minuti dopo va vicino al raddoppio con Corvia che, servito da Scaglia, prova un tiro mancino al volo respinto dall’estremo difensore granata. E’ un monologo a tinte nerazzurre l’avvio della ripresa, confermato anche al 12’ quando ancora una volta la premiata ditta Corvia-Scaglia spaventa la difesa campana: l’esterno crossa in area da calcio d’angolo, incornata dell’attaccante neutralizzata da un ottimo intervento di Terracciano. Il pareggio degli ospiti arriva al 36’ quando Rosina serve Coda in area che, lasciato solo da Garcia Tena, mette il pallone in rete con un tiro destro al volo. Il Latina non si abbatte e nel finale di gara, in pieno recupero, sfiora la rete del 2-1 prima con Corvia, e poi con un potente tiro di Rocca che sfiora l’incrocio dei pali. Il risultato però non cambia, e al Francioni Latina e Salernitana si accontentano di un punto a testa con lo score definitivo fissato sull’1-1.

Altra convincente prestazione del Latina nella settimana più difficile culminata con le dimissioni dell’ormai ex presidente Pasquale Maietta. Gran secondo tempo degli uomini di Vivarini che non riescono a centrare la terza vittoria consecutiva contro la Salernitana: i granata pareggiano i conti grazie all’unico tiro in porta del secondo tempo. I nerazzurri hanno avuto la partita in pugno per lunghi tratti subendo la pressione avversaria solo nella seconda parte della ripresa, culminata con il pareggio granata firmato Coda. Al Latina manca un rigore, non assegnato dal sig. Pinzani in chiusura di primo tempo per un intervento scomposto di Tuia ai danni di Acosty. Il rammarico rimane per quei due punti gettati alle ortiche che avrebbero proiettato il Latina a -2 dalla griglia playoff. Ottima la prestazione di Luigi Alberto Scaglia, autore della rete del momentaneo vantaggio e fondamentale uomo cross. Conferme anche per Corvia: irriconoscibile la sua gara (in senso positivo, e per quello che avevamo visto dal momento del suo arrivo a Latina fino a tre turni fa) tutta condotta con gran spirito di sacrificio e voglia di far bene. Degna di nota anche la performance di Pinsoglio: decisive le parata del classe ’90 al 32’ sulle conclusioni di Coda e Odjer. Unica nota stonata è la partita di Garcia Tena, reo di aver lasciato solo Coda in occasione del gol-pareggio dei campani. Grazie a questo 1-1 Latina e Salernitana salgono a 17 punti in classifica in coabitazione con il Novara. Nel prossimo turno i ragazzi diretti da Vivarini faranno visita alla matricola Spal dell’ex Schiattarella.

IL MIGLIORE - Luigi Alberto Scaglia.

IL PEGGIORE - Pol Garcia Tena.

LE ALTRE DI B

Ieri (ore 20.30):

Cittadella – Hellas Verona 5-1

Oggi (ore 15.00)

Avellino – Pisa 1-0

Bari – Carpi 2-0

Benevento – Brescia 4-0

Latina – Salernitana 1-1

Pro Vercelli – Vicenza 1-1

Spezia – Cesena 1-0

Ternana – Virtus Entella 3-0

Domani:

Ascoli – Perugia (ore 15.00)

Novara – Frosinone (ore 17.30)

Lunedì:

Trapani – Spal (ore 20.30).

Informazioni aggiuntive

Leggi tutto...

Sanderra alla Salernitana

Torna subito in sella Stefano Sanderra. Un mese dopo la promozione in B e l'inaspettata chiusura del rapporto con il Latina. Lo fa dalla porta principale della Lega Pro, alla Salernitana, società che probabilmente è solo di passaggio nella terza serie. In mattinata il comunicato ufficiale del club di proprietà di Claudio Lotito, dopo una notte passata a rimuginare sul caos seguito alle dimissioni di Carlo Perrone. L'uomo delle due promozioni consecutive dalla D alla Prima Divisione ha maturato l'idea di abbandonare il club granata, a causa di dissapori con la società e al culmine di un progressivo deterioramento dei rapporto con il patron della Lazio. Lo ha fatto in un momento delicato, alla vigilia dell'inizio della stagione, un giorno prima del ritiro di Chianciano verso cui Sanderra si è già recato in mattinata.

In fondo una storia per certi versi simile a quella dell'ex tecnico nerazzurro, reduce da due stagioni importanti a Latina, ma poi messo da parte. Questa volta però Sanderra è dalla parte giusta. A Salerno guiderà una squadra ambiziosa, in una piazza molto importante e molto legata al club granata L'ennesima prova del nove di una carriera in cui, per il tecnico romano, le soddisfazioni stanno diventando più numerose delle delusioni.

Informazioni aggiuntive

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Entra or Registrati

Hai un profilo Facebook?

Usa il tuo account Facebook per entrare in SportLatina.

fb iconEntra con Facebook

ENTRA