SLT | Sport Latina | Us Latina Calcio | Serie B | Top Volley | Latina Basket | Latina Calcio a 5 & more...

A+ A A-

Il Latina saluta la Serie B con una sconfitta: al Partenio vince l'Avellino 2-1. Trapani in Lega Pro, Verona in A. Solo playoff per il Frosinone.

I nerazzurri chiudono l'avventura in Serie B con una sconfitta. L'Avellino riprende Insigne con Ardemagni e Castaldo per il 2-1 finale. Presente in tribuna Benedetto Mancini.

PRE-PARTITA - Il Latina di Vincenzo Vivarini si appresa a giocare la sua ultima gara nel campionato di Serie B. Dopo la delusione della retrocessione in Lega Pro, i nerazzurri vogliono salutare il campionato cadetto nel migliore dei modi. La formazione nerazzurra dovrà vedersela con l’Avellino, squadra alla ricerca degli ultimi e fondamentali 3 punti che significherebbero salvezza diretta. Non sarà facile, perché il Latina nelle ultime uscite stagionali ha dimostrato di voler rispettare ed onorare il campionato fino all’ultimo secondo, e per riuscirci i nerazzurri si presentano in campo con il 3-4-3. Formazione rimaneggiata per Vivarini che manda in campo ancora una volta Grandi a difesa dei pali, tante assenze negli altri reparti del campo con Maciucca, Garcia Tena e Bruscagin in difesa, De Vitis e Bandinelli al centro del campo con Rolando e Di Matteo sulle fasce, in avanti spazio al giovane Di Nardo sostenuto da Pinato e Insigne sulle corsie esterne. Nessuna novità sulla distinta dell’Avellino, Novellino conferma la coppia d’attacco Castaldo-Ardemagni, nelle retrovie fiducia a Laverone mentre a centrocampo maglia da titolare per Moretti e Paghera con D’Angelo defilato sulla sinistra. Curiosità: presente in tribuna l’ex presidente del Latina Benedetto Mancini, contestato dai tifosi nerazzurri presenti al Partenio. Arbitra il confronto Francesco Paolo Saia della sezione di Palermo.

PRIMO TEMPO - Partenza remissiva dei padroni di casa che lasciano il campo ai nerazzurri, questa sera in tenuta bianca. Ed è proprio il Latina ad andare vicino al gol del vantaggio al 6’ con Bandinelli che dai 25 metri prova una gran botta respinta in corner da Radunovic. Gli irpini pareggiano il conto delle occasione al 16’ quando Ardemagni, di testa, chiama Grandi alla ribattuta. Nulla può il portiere nerazzurro sulla ribattuta di D’Angelo: a salvare l’estremo portiere faentino è la traversa, che nega la gioia del gol al capitano dei lupi. Al 19’ è Insigne a prendersi il primo cartellino giallo della gara, reo di aver commesso fallo sull’ex Moretti. Ancora Avellino al 22’ con Moretti che con un tiro dalla grande distanza impegna Grandi alla parata in due tempi. Ed è proprio l’autore della precedente sortita a commettere un grave errore al 22’ regalando a Bandinelli un pericoloso pallone calciato col mancino: pronta la reazione di Radunovic che neutralizza l’occasione. I padroni di casa hanno disperatamente bisogno dei tre punti per evitare i playout, e Ardemagni al 33’ illude il Partenio con una potente inzuccata terminata sul fondo. Dopo l’illusione arriva la delusione, perché 60 secondi dopo è il Latina a trovare il gol del vantaggio con l’ex Insigne: il numero 9 nerazzurro, invitato da un delizioso colpo di tacco di Pinato, entra in solitaria in area di rigore e realizza una splendida rete insaccando la sfera sotto il sette con un ottimo sinistro a giro. Niente esultanza per il primo gol stagionale di Insigne, ex del confronto. I campani si innervosiscono faticando a trovare la giusta giocata, e al 43’ Pinato cerca il doppio vantaggio calciando dal limite dell’area di rigore. Sfortunata la conclusione con il pallone che termina di pochi centimetri fuori dalla porta difesa da Radunovic. Al 46’, dopo 1 minuto di recupero, Saia fischia due volte e manda le due formazioni al riposo.

SECONDO TEMPO - Il primo pallone della seconda frazione di gara viene toccato dai padroni di casa che al 3’ vanno in rete grazie ad un colpo di testa di Castaldo, la fatica del numero 10 viene però vanificata dal fischio di Saia che annulla la segnatura dopo aver visto una trattenuta dello stesso Castaldo ai danni di Di Matteo. Il Latina non demorde e al 5’ è Pinato, servito da Di Matteo, a calciare in porta; imperiosa la parata di Radunovic che in tuffo dice “no”. I nerazzurri difendono con ordine limitando le ripartente irpine, ma al 9’ l’occasione d’oro capita sui piedi del neo entrato Camara che impegna Grandi all’intervento. All’11’ Vivarini cambia le carte facendo uscire l’autore della rete Insigne per Negro. Al 22’ è ancora Grandi a togliere le castagne dal fuoco parando un colpo di testa di Castaldo. Ancora un cambio per Vivarini al 24’ che fa esordire il giovane Megelaitis al posto di Di Nardo. L’Avellino spinge, al 25’ è Eusepi a cercare la rete, ma davanti a lui c’è ancora Grandi che chiude lo specchio della porta. Gli sforzi dei lupi vengono premiati, e al 26’ pareggiano i conti con Ardemagni che, ricevuto il pallone in area da un colpo di testa di un compagno, trafigge Grandi con una precisa e vincente incornata. All’Avellino serve ancora un gol per scongiurare la post season e al 37’ passa in vantaggio, questa volta con Castaldo che tempestivamente conquista un pallone vagante e lo scaraventa in rete col mancino. Il Partenio esplode in un urlo di gioia per un importantissimo gol che assicurerebbe la permanenza nel campionato cadetto. La certezza arriva al 95’ quando Saia, dopo 5 minuti di recupero, pone file alle ostilità. Termina qui l’esperienza in Serie B del Latina dopo 4 stagioni, salvezza certa per l’Avellino, certo di disputare il campionato cadetto anche nella prossima stagione.

LE ALTRE DI B - Il Verona pareggia e raggiunge la Spal in Serie A, solo playoff per il Frosinone. Accedono alla post season anche Perugia, Benevento, Cittadella, Carpi e Spezia. Niente playout: Trapani in Lega Pro insieme a Vicenza, Pisa e Latina.

Oggi (20.30):

Pisa - Benevento 0-3 

Ascoli - Ternana 1-2

Avellino - Latina 2-1

Perugia - Salernitana 3-2

Cesena - Hellas Verona 0-0 

Vicenza - Spezia 0-1

Brescia - Trapani 2-1 

Carpi - Novara 2-0

Virtus Entella - Cittadella 4-1

Frosinone - Pro Vercelli 2-1 

Spal - Bari 2-1

 

Classifica finale: 

1)    Spal 78

2)    Hellas Verona 74

3)    Frosinone 74

4)    Perugia 65

5)    Benevento 65

6)    Cittadella 63

7)    Carpi 62

8)    Spezia 60

9)    Novara 56

10)  Salernitana 54

11)  Virtus Entella 54

12)  Bari 53

13)  Cesena 53

14)  Brescia 50

15)  Ascoli 49

16)  Pro Vercelli 48

17)  Avellino 49

18)  Ternana 49

19)  Trapani 44

20)  Vicenza 41

21)  Pisa 35

22)  Latina 32

Legenda:

    promosse in Serie A

    accedono ai playoff

    retrocesse in Lega Pro

Informazioni aggiuntive

Leggi tutto...

Il Latina conosce solo il pareggio, con l’Avellino finisce 0-0

Quattordicesimo pareggio stagionale per il Latina nel 21° turno della Serie B. Con l’Avellino termina 0-0, brutta prestazione dei nerazzurri che spariscono nel secondo tempo.

E’ un  vero e proprio scontro diretto quello che stasera mette di fronte Latina e Avellino, due squadre posizionate nella zona calda della classifica. Gli irpini, guidati da Walter Novellino, stanno conducendo una stagione sotto le aspettative: in venti partite giocate hanno accumulato venti punti, raccolti dopo cinque vittorie e altrettanti pareggi, soltanto due i punti conquistati in trasferta. Il Latina è alla ricerca dei tre punti, fondamentali per chiudere il girone di andata a quota venticinque. Vivarini, con il suo 3-4-3 in piena emergenza sulle corsie esterne, manda in campo Pinsoglio tra i pali, Brosco, Dellafiore e Garcia Tena nel reparto difensivo, Rolando e Rocca sulle fasce e la coppia Bandinelli-Mariga al centro del campo. Completano la formazione Scaglia, Boakye e Paponi. Gli ospiti si presentano al Francioni con il 4-4-2 composto da Frattali in porta, Gonzales e Perrotta terzini, Jidayi e Djimisiti centrali di difesa. A centrocampo trovano posto Verde, D'Angelo, Omeonga e Paghera. Reparto offensivo affidato a Castaldo e Ardemagni. Dirige l’incontro il sig. Antonio Rapuano della sezione di Rimini.

PRIMO TEMPO – A riscaldare la glaciale serata del 30 dicembre ci pensano le due formazioni in campo, iniziando la gara a ritmi elevati. Avellino subito pericoloso in avvio con Castaldo che, in fase offensiva, lascia partire un potente tiro deviato in angolo da Garcia Tena. Il Latina prova subito a rispondere con Boakye: il ghanese, lanciato a rete, viene anticipato da Jidayi che per poco rischia l’autorete. E’ un inizio di gara scoppiettante al Francioni, con continui capovolgimenti di fronte e occasioni da una parte e dall’altra. Al 6’ è ancora l’Avellino a spingersi in avanti, questa volta con Ardemagni che dai 15 metri prova la conclusione bloccata in due tempi da Pinsoglio. Con il passare dei minuti i ritmi calano, e al 26’ arriva anche il primo cartellino giallo del match: Jidayi stende Paponi al centro del campo e riceve una sacrosanta ammonizione. Al 31’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, è Brosco a cercare il gol con un colpo di testa centrale respinto senza problemi da un reattivo Frattali. Al 45’ il sig. Rapuano concede sessanta secondi di recupero in cui non accade nulla. Al Francioni si è assistito ad un primo tempo con pochi spunti degni di nota, con le due squadre che si sono equivalse nel freddo polare dell’impianto pontino. Positive le prestazioni delle difese.

SECONDO TEMPO – La partita ricomincia con due novità: Novellino sostituisce il portiere Frattali, infortunatosi al ginocchio destro, con Radunovic, e sistema Verde sulla fascia sinistra. La prima vera palla gol del secondo tempo è di marca irpina: al 9’, dopo un calcio d’angolo battuto da Verde, Jidayi con un potente colpo di testa trova la miracolosa risposta di Pinsoglio. Indifendibile la difesa nerazzurra, rimasta inerme sull’inzuccata del numero 25 ospite. La prima sostituzione di Vivarini arriva al 19’: dentro Di Matteo, fuori Mariga. Il numero 21 del Latina prende possesso della fascia sinistra, con il conseguente accentramento di Rocca. Un minuto dopo arriva anche il primo episodio dubbio del match: Radunovic, nel tentativo di raccogliere un pallone, frana addosso a Boakye. Il portiere dell’Avellino colpisce con il ginocchio la schiena dell’attaccante pontino, ma Rapuano non assegna il penalty. Il minuto 31 vede il ritorno in campo di Acosty: il ghanese rileva il connazionale Boakye, ormai scarico. Due minuti dopo Vivarini procede con l’ultima sostituzione disponibile, facendo entrare D’Urso al posto di Rolando. A seguito di questa sostituzione, Rocca cambia di nuovo posizione in campo, sistemandosi sulla corsia destra. La seconda frazione di gara scorre tra tante imprecisioni delle due squadre ormai stanche e poco spettacolari. L’Avellino sembra crederci di più, e al 42’ va vicino al gol del vantaggio con Ardemagni che, ricevuta la sfera da Verde, tenta il colpo di testa con il pallone che finisce fuori di poco. I cinque minuti di recupero concessi da Rapuano regalano solo qualche timida spinta offensiva del Latina, ma il risultato non cambia, e l’ultima gara dell’anno, e del girone d’andata, regalano il quattordicesimo pareggio stagionale ai nerazzurri. Brutto secondo tempo del Latina che non è riuscito a creare nemmeno una occasione da gol.

Il Latina chiude il 2016 con il quattordicesimo pareggio stagionale, il settimo consecutivo, un numero record difficilmente eguagliabile. La fredda serata del Francioni ha offerto una brutta prestazione dei nerazzurri, più propositivi nella prima frazione di gara, totalmente assenti nella seconda. Le tante assenze sulle corsie esterne si sono fatte sentire, ma resta comunque buono il lavoro di Rocca, oggi utilizzato da Vivarini in tre ruoli diversi nel giro di 70 minuti. Quasi totalmente assente Boakye: il ghanese non riesce ancora a sostenere i 90’, e l’assenza di Corvia questa sera si è fatta sentire. Altra ottima prestazione di Pinsoglio, decisivo su Jidayi ad inizio ripresa. La nuova proprietà nerazzurra avrebbe preferito bagnare questa nuova avventura con una vittoria, in compenso potrà sorridere per la soddisfacente affluenza odierna al Francioni.

LE ALTRE DI B   

Mercoledì (20.30):

Spezia - Vicenza 0-0

Ieri (20.30):

Bari - Spal 1-1

Oggi (20:30):

Salernitana - Perugia 2-1

Novara - Carpi 2-1

Benevento – Pisa 1-0

Cittadella - Virtus Entella 2-1

Hellas Verona – Cesena 3-0

Latina – Avellino 0-0

Pro Vercelli – Frosinone 2-0

Ternana – Ascoli 0-1

Trapani – Brescia 0-0

Informazioni aggiuntive

Leggi tutto...

Il Latina chiude il 2016 con l'Avellino, emergenza esterni per Vivarini

Il Latina del neo presidente Ferullo ospita questa sera (20.30) l'Avellino al Francioni. Emergenza sulle corsie esterne del campo per Vivarini, Corvia non convocato. Diretta tv su Sky Calcio 6 HD, radiocronaca integrale su Radio Latina 98.3 MHz.

Ultima partita dell'anno per il Latina che questa sera ospiterà l'Avellino di Walter Novellino. Sarà anche l'ultima gara del girone d'andata, la prima della nuova gestione portodanzese. Match di vitale importanza per il gruppo guidato da Vincenzo Vivarini, alla ricerca di tre punti fondamentali: l'eventuale vittoria contro gli irpini proietterebbe il Latina a 25 punti, la metà di quelli utili a raggiungere la quota salvezza. Ancora problemi di organico per Vivarini, in piena emergenza sui settori esterni del campo. Arbitra il sig. Rapuano di Rimini.

VIVARINI: "CON L'AVELLINO SCONTRO SALVEZZA" - L'allenatore del Latina Vincenzo Vivarini si appresta a guidare il suo Latina nell'ultima gara del 2016. Il mister pontino ha incontrato insieme alla squadra, prima della rifinitura, la nuova proprietà nerazzurra: "Mercoledì sono passati a salutarci al campo per conoscerci. Oggi (giovedì, ndr), prima della rifinitura, abbiamo avuto un incontro allo stadio per una chiacchierata". E sul difficile periodo, ormai passato, prima dell'arrivo dei nuovi proprietari, Vivarini chiarische: "Da parte nostra, come ho sempre ripetuto nel corso delle settimane, si è cercato di rimanere concentrati sulle cose da fare in campo. Il mio contratto non si cambia durante il mercato, ma nel momento in cui non c’è stabilità i giocatori guardano molto la solidità societaria. Loro guardavano con attenzione gli sviluppi di tutto ciò che ci girava intorno, ma abbiamo sempre avuto una parte della società, rappresentata da Aprile, che ci ha dato tranquillità e permesso di lavorare abbastanza bene. Speriamo che da adesso in poi lo si possa fare meglio". L'eventuale vittoria con gli irpini, proietterebbe il Latina a 25 punti in classifica: "Il nostro girone d’andata si chiude con tanto rammarico per tutte le occasioni perse che abbiamo avuto. Anche Perugia ci ha lasciato l’amaro in bocca, le prestazioni le abbiamo fatte sempre all’altezza della situazione. Ho visto le altre squadre che hanno giocato a Perugia patire tantissimo, noi li abbiamo affrontati con spirito positivo facendo una prestazione su ritmi alti. Il film del girone d’andata è che non siamo stati bravi a far punti in funzione delle prestazioni offerte". Quella di stasera con l'Avellino, viene vista dal mister nerazzurro come una vera e propria sfida salvezza: "Lo abbiamo già detto alla squadra, è una gara di importanza molto alta perché stiamo lì in classifica. Sarebbe opportuno riuscire a vincere la partita". Al Francioni arriverà una squadra molto forte dal punto di vista fisico, notevole in fase offensiva: " Hanno due attaccanti che sanno creare situazioni ed episodi, dobbiamo limitare ciò e non tenerli nella nostra metà campo, perché sanno creare minacce sulle palle inattive. In fase difensiva sono molto solidi, sotto l’aspetto del gioco non abbiamo troppi pensieri ma dobbiamo essere attenti agli episodi".

QUI LATINA - EMERGENZA ESTERNI, CORVIA FERMO AI BOX - Vivarini avrà a che fare con una preoccupante emergenza sulle corsie esterne del campo. Nica non si è allenato in settimana mentre Di Matteo non è al massimo della condizione, senza contare le assenze degli squalificati Gilberto e Bruscagin. Sulla fascia destra dovrebbe posizionarsi Rocca, dall'altra parte spazio a Garcia Tena. In avanti non convocato Corvia, ancora alle prese con il risentimento al flessore.

QUI AVELLINO - FUORI IN TRE - Walter Novellino, che dovrà fare a meno di Asmah e Belloni, schiererà l'Avellino con il classico 4-4-2. Assente anche Camarà, impegnato con la nazionale della Guinea-Bissau in Coppa d'Africa. Attacco "pesante" dei lupi che scenderanno in campo con il tandem Castaldo-Ardemagni.

SERIE B - IL PROGRAMMA DEL 21° TURNO:

Mercoledì (20.30):

Spezia - Vicenza 0-0

Ieri (20.30):

Bari - Spal 1-1

Oggi (20:30):

Salernitana - Perugia (15.00)

Novara - Carpi (17.30)

Benevento - Pisa

Cittadella - Virtus Entella

Hellas Verona - Cesena

Latina - Avellino

Pro Vercelli - Frosinone

Ternana - Ascoli

Trapani - Brescia.

Informazioni aggiuntive

Leggi tutto...

Avellino e Battistoni in nazionale, altre due gioie per la Rapidoo Latina

La Rapidoo Latina Calcio a 5 ha definito la data di avvio della preparazione in vista del prossimo campionato di serie A1. I nerazzurri si rimetteranno in moto il 25 agosto, direttamente al PalaBianchini. “Faremo in alternanza – ha spiegato mister Giampaolo – una o due sedute giornaliere di allenamento sino all'inizio del campionato che, se giocheremo la prima in casa, avverrà venerdì 26 o sabato 27 settembre. Non vedo l'ora di iniziare, di ritrovare i miei ragazzi e ripartire verso una grande e stimolante avventura”.

Intanto, però, c'è grande soddisfazione in casa Rapidoo per quello che il presidente La Starza è riuscito a fare in sede di mercato in vista della prossima stagione e per quelle che sono state le convocazioni nella nazionale argentina di Lucho Avellino e Gerardo Battistoni. “Credo che sia la riprova – ha commentato La Starza – di come in questi anni abbiamo lavorato alla grande, finendo con il valorizzare dei ragazzi, vedi Avellino e Battistoni, che saranno pedine fondamentali per noi anche nella prossima stagione in A1. Sono fiero di loro, di come si sono comportati e di quello che hanno ottenuto. Questa convocazione rappresenta un fiore all'occhiello per la società, per noi tutti e per la squadra”.

Sul fronte mercato, dopo Gilli, Arellano, il ritorno di Lara e la conferma di alcuni elementi di valore come Avellino, Maina, Battistoni, Menini e Terenzi, la Rapidoo Latina Calcio a 5 è in attesa di altri colpi di mercato, di cui uno molto importante in serbo dal presidente La Starza.

Informazioni aggiuntive

Leggi tutto...

LIVE Avellino-Latina: Nel finale Ciano risponde a Cottafava: al Partenio finisce 1-1

AVELLINO (3-5-2): Terracciano; Pisacane, Peccarisi, Fabbro; Zappacosta, D’Angelo, Arini, Schiavon, Bittante; Castaldo, Galabinov.

A disposizione: Seculin, De Vito, Millesi, Togni, Angiulli, Massimo, Biancolino. Allenatore: Rastelli


LATINA (3-5-2): Iacobucci; Brosco, Cottafava, Esposito; Ristovski, Bruno, Morrone, Gerbo, Alhassan; Paolucci, Jonathas.

A disposizione: Tozzo, Bruscagin, Crimi, Viviani, Laribi, Cisotti, Milani, Nunes, Ghezzal. Allenatore: Breda


Arbitro: Cervellera di Taranto

 

Squadre in campo. Sarà l'Avellino a giocare il primo pallone.

6': terreno abbastanza pesante. Il Latina inizia il match con il piglio giusto, ma per ora non ci sono particolari emozioni.

14': proteste dei padroni di casa, che chiedono a gran voce un calcio di rigore  per un intervento di Cottafava su Galabinov. Il signor Cervellera grazia i nerazzurri

19': occasionissima Latina: Paolucci lancia Jonathas con un assist al bacio, il brasiliano a tu per tu con Terracciano prova a superarlo con un diagonale destro, che però si spegne sul fondo.

20': il primo ammonito del match è Schiavon. Pochi minuti prima graziato Alhassan.

27': Paolucci sulla sinistra, assist per l'accorrente Morrone, il cui tiro in scivolata colpisce l'esterno della rete.

30': doppia ammonizione del Latina. Giallo a Gerbo e Jonathas

31': che occasione del Latina: Jonathas sfonda centralmente, calcia debole ma Terracciano non blocca. Sulla respinta si avventa Paolucci che viene anticipato all'ultimo istante dalla difesa irpina.

32': predominio territoriale del Latina, l'Avellino è in difficoltà.

42': ammonito anche Brosco. Calcio di punizione da posizione insidiosa, con la palla che però termina sulla barriera.

43': che occasione per l'Avellino: cross di Zappacosta, Castaldo imbecca Schiavon, Iacobucci miracolosamente alza sopra la traversa, ma il gioco era fermo per fuorigioco.

Dopo un minuto di recupero si chiude il primo tempo. Buon Latina.

46': si riparte. Nessun cambio nelle due formazioni.

48': Galabinov sfiora l’autorete sulla punizione di Gerbo. Corner per il Latina.

Il Latina è pimpante anche in questo inizio di ripresa. Iniziano a scaldarsi i componenti delle due panchine.

60': punizione per l'Avellino per un intervento falloso di Bruno. su Arini. Calcia Zappacosta, il cui bolide sfiora la traversa.

62': GOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOLLLLLLLLLLLLLLLLLLLL  COTTAFAVA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Sugli sviluppi di un calcio d'angolo di Ristovski, il capitano, lasciato colpevolmente solo sul secondo palo, mette il pallone in rete.

67': Galabinov carica Iacobucci, Cervellera non fischia e l’Avellino sfiora il pari. Sbroglia Esposito.

73': Alhassan salva sulla linea di porta. Schiavon spara addosso a Iacobucci, irrompe Castaldo sul cui colpo di testa Alhassan libera prima che la sfera varchi interamente la linea di porta.

75': primo cambio del Latina, Crimi per Gerbo. Prima l'Avellino aveva sostituito Fabbro (al suo posto è entrato Ciano) e Peccarisi (Millesi).

76': entra anche Milani. Esce Ristovski.

79': terzo ed ultimo cambio, con Ricciardi che prende il posto di Bruno.

81': ammonito Paolucci per simulazione.

82': terzo cambio anche per l'Avellino: il classe '77 Biancolino prende il posto di D'Angelo.

85': Biancolino prova a girare in rete sugli sviluppi di un calcio di punizione, ma la sfera termina alta.

89': preme l'Avellino. Latina in affanno.

4 minuti di recupero.

91': Pareggio dell'Avellino con il gol di Ciano

93': occasionissima Avellino, con Castaldo che spreca tutto da ottima posizione.

95': triplice fischio del direttore di gara. Un buon Latina viene raggiunto nel finale dall'Avellino e poi rischia addirittura la beffa: 1-1 al Partenio.

Informazioni aggiuntive

Leggi tutto...

Breda: "Ad Avellino consapevoli di poter far bene"

E' un Roberto Breda sereno e sorridente quello che si presenta in conferenza stampa alla vigilia dell'anticipo di campionato in programma venerdì sera al "Partenio" di Avellino. "Si affrontano due squadre che fanno dell'aggressità e dell'intensità i loro punti di forza - analizza il mister nerazzurro - ma, come in ogni sfida, bisognerà vedere chi riuscirà a metterle in pratica nel migliore dei modi. L'Avellino, soprattutto in casa, è una squadra temibile, ma abbiamo la consapevolezza di poter far bene. La vittoria ottenuta contro la vicecapolista Empoli ci ha dato ancora più morale e consapevolezza nei nostri mezzi".

Della trasferta irpina non faranno parte gli infortunati Figliomeni, Baldan, Chiricò e Jefferson. Assenza pesanti, soprattutto in attacco, dove però mister Breda potrà contare su Michele Paolucci: "Sta bene - analizza il tecnico dei nerazzurri - ha giocato molto in questa stagione, tra campionato e Coppa Italia, quindi è in forma. L'infortunio di Jefferson dispiace, ma sono cose che capitano. Lo aspettiamo con calma".

Informazioni aggiuntive

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Entra or Registrati

Hai un profilo Facebook?

Usa il tuo account Facebook per entrare in SportLatina.

fb iconEntra con Facebook

ENTRA