SLT | Sport Latina | Us Latina Calcio | Serie B | Top Volley | Latina Basket | Latina Calcio a 5 & more...

A+ A A-
Redazione

Redazione

URL del sito web:

Axed Group k.o. con il Rieti

L'Axed Group perde in casa contro il Real Rieti e rimanda l'appuntamento con la qualificazione ai play off. Dopo l'iniziale vantaggio di Bernardez, gli ospiti ribaltano completamente il risultato chiudendo sul punteggio di 5-1.

PRIMO TEMPO

I nerazzurri schierano Chinchio tra i pali, Avellino, Bernardez, Corso e Maina, mentre il Real Rieti presenta Micoli in porta, Corsini, Calderolli, Cesaroni e Duio.

Al primo assalto il Latina va in vantaggio, con Avellino che serve su un piatto d'argento il pallone dell'1-0 a Bernardez, abile nel dribblare il portiere e depositare a porta vuota. La risposta degli ospiti non tarda ad arrivare e al 6' Duio pareggia i conti con un sinistro violento da fuori che, a causa di una deviazione, termina alle spalle di Chinchio. Poco dopo è lo stesso Duio in contropiede a sprecare l'occasione per portare in vantaggio i reatini. Al 9' Maina va ad un passo dalla rete con una gran botta da fuori, poi è Calderolli a colpire il palo con una bella conclusione dal limite dell'area. Ma al 9'41'' ancora una deviazione sfortunata sul tiro di Cesaroni da fuori beffa Chinchio e il Rieti si ritrova avanti. Dopo venti secondi ancora a segno gli ospiti con Calderolli sugli sviluppi di un calcio di punizione.

Dopo aver subito il terzo gol il Latina va all'attacco e con Avellino al 15' sfiora il gol, ma Micoli disinnesca con i piedi la botta dalla distanza dell'argentino. Sempre argentino ci prova da fuori al 19' e ancora una volta Micoli compie un grande intervento. Il primo tempo termina così 1-3.

.

SECONDO TEMPO

Ad inizio ripresa i nerazzurri partono forte, ma Micoli si dimostra superlativo in almeno due occasioni. Attacca solo il Latina e Avellino al 5' con una conclusione di sinistro dal limite, accarezza solamente il palo. Il monologo nerazzurro non produce effetti, perché ad ogni occasione Micoli è in serata di grazia e non sbaglia un intervento. Ci provano in sequenza Maina, Bernardez e Amoedo, senza però troppo successo. E così in contropiede Calderolli realizza il gol del 4-1 in contropiede, dopo un fallo di mano non ravvisato dagli arbitri. Sempre Calderolli a 5' dalla fine trova ancora il varco per segnare il quinto gol degli ospiti. Nel finale il Latina cerca almeno di accorciare le distanze, senza però trovare la via della rete. Finisce così 5-1 per la formazione ospite.

Una Cis Hydra V. Latina cinica regola il Club Italia

a Cis Hydra Volley Latina archivia anche la pratica con il Club Italia
nel giro di poco più di un’ora, vincendo anche questa partita come la
scorsa, giocando con l’autorità della prima della classe, disinvoltura e
non dando mai segni di perdere il bandolo del gioco, orchestrata a puntino
dal suo capitano Quartarone che con saggezza ha saputo effettuare una
distribuzione dei propri palloni in maniera certosina, gestendo nella
maniera migliore i suoi attaccanti, in particolar modo De Luca
ispiratissimo e in gran giornata. Quindi la formazione pontina sfrutta nel
migliore dei modi il doppio turno casalingo, facendo bottino pieno dei
punti a disposizione e continuando la sua corsa in testa alla classifica.
Parte bene la squadra di casa che va sul 6-4 ma raggiunta in breve dagli
azzurrini e superata alla sosta tecnica 8-7 C.Italia, ma negli scambi
successivi si gioca sul mantenere il cambio palla fino al break dell’Hydra
che proietta  i ragazzi di coach Gatto alla sosta successiva in vantaggio
16-14 dopo un servizio a rete di Dal Corso. La Cis Hydra continua a
condurre anche dopo ma viene raggiunta sul 19-19 con qualche disattenzione
in difesa, un nuovo allungo riporta sopra i pontini, che conquistano anche
il set point con De Luca, annullato da una svista colossale degli arbitri,
ma nonostante ciò giocano una nuova palla set chiudendo alla prima
occasione grazie ad un attacco a rete di Panciocco, che fissa il punteggio
sul 25-23.
Nuova buona partenza della Cis Hydra, più convinta rispetto al set
precedente, che grazie al muro di Porcello e due attacchi consecutivi di
De Luca arriva prima alla sosta tecnica, 8-4, per poi continuare anche
dopo il rientro in campo con muri a ripetizione di capitan Quartarone e
Testagrossa, portando il punteggio sull’11-5. Coach Barbiero nel frattempo
fa ruotare a ripetizione i suoi uomini, cercando di tirare fuori qualcosa
di più produttivo, ma purtroppo per lui le cose non cambiano molto e la
Cis Hydra gira prima anche alla sosta successiva, 16-9. In questo parziale
Club Italia non sembra impensierire molto la difesa della Cis Hydra che
continua a comandare nel gioco e nel punteggio, con un servizio più
preciso e vincente, 22-12 a suo favore e su questa scia che ci si avvia
alle battute finali del set chiuso con attacco di De Luca sul 25-14.
Altro set ma altra partenza a razzo della squadra di casa che con
Quartarone al servizio crea subito un bel solco tra se e gli avversari
portandosi sul 5-0 e poi con due muri successivi di De Luca arriva al time
out tecnico avanti 8-1. Gli uomini di Gatto non cedono nulla e non
conoscono pause di continuità, insistendo nel martellare la difesa degli
azzurrini e aumentando il distacco con loro, giungendo alla sosta seguente
sul 16-7. La partita vive di pochissime emozioni, la Cis Hydra forte del
vantaggio accumulato viaggia sul velluto e si avvicina alla fine del match
in assoluta tranquillità, anche se Club Italia piazza un parziale di 4-0
riducendo il divario, 21-14 Hydra. E dopo aver subito un poco, la
capolista va a chiudere il discorso con il punteggio di 25-19 con un primo
tempo di Testagrossa.

L'Enel Civitavecchia strapazza la Latina pallanuoto

Non è facile per i colori neroazzurri commentare una partita del genere. In acqua una sola squadra: l'Enel Civitavecchia. I tirrenici entrano in acqua con la giusta grinta e concentrazione. Pressing alto a tutta vasca e zero errori. Al resto ci pensa Latina pallanuoto, che da par suo sbaglia tutto. Dai passaggi elementari sotto porta a tiri forzati, fino alla "catastrofe " difensiva. Così che quasi senza accorgersene il primo tempo si chiude con un imbarazzante 5-0 e con un capovolto 0/5 per quanto riguarda la percentuale in superiorità numerica pontina. Con questi numeri, ma soprattutto con un approccio alla gara sciatto, ripetuto e continuativo è già un ottimo risultato quello poi acquisito a fine gara. Zaneric per il Civitavecchia si erge a mente pensante della squadra ed al bisogno è pronto anche ad infierire con naturale scioltezza. Latina dal secondo quarto cerca di sciogliersi dal torpore ma non riesce mai ad imprimere un break decisivo. Al terzo quarto sul 7-2 per il Civitavecchia con 5.46 ancora da giocare, espulso per brutalità Quaglio. Potrebbe iniziare un'altra partita. Così non è. Parisi segna il tiro dai 5 metri ma nei 4 minuti di successiva superiorità, due reti per parte, ancora Parisi e Mattiello per i neroazzurri e Zanetic e Muneroni per il Civitavecchia. Il quarto tempo serve solo ad esaltare errori difensivi e a gonfiare di reti il risultato. I due centroboa, Romiti da un lato e Parisi dall'altro i migliori marcatori con 4 reti a testa. Nel finale debutto in A2 per il giovane portiere neroazzurro Scialdone (2002) che si fa trovare pronto annullando l'1 contro zero di Checchini.

Il Real Caffè/Moka Sirs Sabaudia perde la sfida casalinga con l'M2G Solution Asem Bari

Il Real Caffè/Moka Sirs Sabaudia perde la sfida casalinga con l'M2G Solution Asem Bari, il match era valido per la diciannovesima giornata del campionato nazionale di pallavolo femminile di serie B2. La squadra di Sabaudia non è riuscita a trovare punti pesanti in chiave salvezza da una sfida che, in partenza, non la vedeva ovviamente favorita. Tanti problemi nel primo set per la squadra di casa che rimedia un pesantissimo 9-25 mentre nel secondo e terzo parziale la sfida (almeno per quanto riguarda i numeri) è un po' più equilibrata con il secondo chiuso 21-25 e il terzo 18-25 sempre in favore della compagine barese. Alla luce di questo risultato il Sabaudia resta al terzultimo posto nella classifica del girone H staccata di tre punti dalla quota salvezza rappresentata in questo momento dai 13 punti del Minturno. Il Bari invece sale a quota 34 punti e si porta a nove lunghezze dalla zona play-off quando al termine della stagione regolare mancano da giocare ancora altre sette partite. Nel prossimo turno (18 marzo) il Real Caffè/Moka Sirs Sabaudia sarà impegnata nella trasferta di Pescara in casa del Dannunziana.

Milano si aggiudica il primo round degli ottavi Superlega Playoff Challenge

La Revrive Milano si aggiudica la gara di andata degli ottavi Superlega Playoff Challenge UnipolSai. Supera la Top Volley in quattro set e venerdì ha la prima possibilità di chiudere la serie. Latina ha subito alcuni turni in battuta e non ha saputo reagire nel reparto muro-difesa. Ancora l'ex Skrimov migliore in campo con 21 punti.

Luca Monti schiera Sbertoli al palleggio e Adamajtis opposto, De Togni e Galassi centrali, Hoag e Skrimov schiacciatori, Cortina libero. Daniele Bagnoli risponde con Sottile in regia e Fei opposto, Rossi e Gitto al centro, Maruotti e Ishikawa di banda, Fanuli libero. S'inizia in equilibrio con Adamajtis che mette a segno i primo allungo sul 7-10, i lombardi allungano con gli ace di Sbertoli e Hoag 12-19, poi De Togni al servizio per un filotto di sei punti con un ace che chiude 13-25. Bagnoli conferma nel secondo set Penchev e Latina con gli ace di Ishikawa e Rossi si porta 6-2, allunga 16-8 e Monti prova la carta Boninfante, ma senza esito con il giapponese che chiude 25-16. Parte bene nel terzo set Milano che con un ace di Skrimov si porta 2-6, i pontini recuperano sul 9 pari, ma sono gli ospiti a allungare con un filotto di quattro punti 9-13, i locali con un muro di Penchev si rifà sotto 14-15, ma sono i muro di De Togni e Adamajtis a pesare con il set che si chiude 21-25. Il quarto set si sblocca con i muri di Gitto (3) sull'8-4, ma con i servizi di Hoag (un ace) Milano pareggia 11-11 e poi allunga 14-16 e allunga con i muri di Galassi e Skrimov 19-23 e chiude 22-25.

 

Il Real Caffè/Moka Sirs dura solo un set e alla fine vince il Grotte di Castellana

Il Real Caffè/Moka Sirs Sabaudia esce sconfitto dalla sfida casalinga con il Grotte di Castellana nella gara valida per la quinta giornata di ritorno del campionato nazionale di pallavolo femminile di serie B2. Le giovanissime allenate da Daniela Casalvieri resistono solo un set, poi esce fuori la maggiore esperienza della formazione pugliese che lotta per il terzo posto: alla fine il risultato di 1-3 è sicuramente giusto ma, per come era iniziata la partita, può ragionevolmente lasciare più di qualche rammarico a Vaccarella e compagne che forse evitando qualche errore di troppo avrebbero potuto provare a prolungare il match. Nel primo il Sabaudia inizia meglio (10-6), poi il Grotte di Castellana si riavvicina e si continua a giocare a elastico (16-13, 19-14) fino al 21-19 con Battaglini protagonista con il set che Sabaudia si porta a casa nonostante gli errori. Nel secondo spicchio di partita la sfida è interessante (10-10) poi sul 16-18 Sabaudia piazza un break e la panchina pugliese è costretta a spendere il time-out discrezionale riuscendo a riprendere in mano le operazioni (19-25). Rimesso in equilibrio l'incontro (1-1) la formazione pugliese approfitta dell'inesperienza del Sabaudia e passeggia sia nel terzo (16-25) sia nel quarto spicchio di partita (13-25).
 
 

Cis Hydra Latina straripante contro il Tor Sapienza

In poco più di un’ora la Cis Hydra Volley Latina regola la pratica con la
Life Community Tor Sapienza con il punteggio più classico e pieno, un 3-0
che dando uno sguardo anche ai parziali, si intuisce subito che è stato un
match a senso unico, dove la squadra di Latina, prima in classifica, ha
giocato con autorità e conducendo per tutta la durata della partita,
mentre la squadra romana non ha saputo impensierire quasi mai la difesa
pontina, cedendo già in avvio di ogni set, per poi proseguire sulla loro
condotta, risultando anche molto fallosa in attacco.
Dopo le prime giocate all’insegna dell’equilibrio, nel primo set la Cis
Hydra prende il largo e va in brevissimo tempo a girare al time out
tecnico avanti 8-3 con De Fabritiis in evidenza. Al rientro gli ospiti
recuperano qualche cosa riducendo le distanze, ma è questione di poco,
infatti la Cis Hydra riaccelera nuovamente ristabilendo il divario di più
cinque, 13-8 e arrivando in seguito alla sosta tecnica successiva in
vantaggio per 16-12. Nelle giocate seguenti è sempre la squadra di casa a
dettare il gioco e comandare nel punteggio, aumentando il divario e
creandosi le condizioni per aggiudicarsi il set, chiuso sul 25-17 con un
primo tempo di Testagrossa.
Il secondo set inizia sotto il segno di De Luca che butta a terra quattro
palloni consecutivi consentendo ai suoi compagni di portarsi subito in
testa e arrivare al primo time out tecnico in vantaggio 8-2. Tor Sapienza
non riesce proprio a costruire delle azioni che possano impensierire la
squadra pontina che continua a condurre senza molte difficoltà, 11-4,
avvicinandosi alla pausa successiva con un discreto margine di vantaggio e
giocando in modo semplice e ordinato, arrivando sul 16-9 con errore al
servizio degli avversari. Il match in questo frangente non regala molte
emozioni, la Cis Hydra continua a mettere sotto pressione la ricezione
avversaria che di contro ci mette anche del suo per agevolare il compito
della capolista che indisturbata prosegue sul suo cammino. Le differenze
in campo sono abbastanza evidenti e la Cis Hydra si procura ben dodici set
point, chiuso alla seconda occasione sul 25-13 con attacco vincente di De
Luca.
Nel terzo set Tor Sapienza sembra avere più ordine visto che inizia
rispondendo colpo su colpo alla Cis Hydra fino al 4-4, ma successivamente
i ragazzi pontini piazzano un paio di break consecutivi e vanno nuovamente
a girare per primi alla sosta, 8-5. La ricezione della squadra di coach
Gatto funziona alla perfezione consentendo al capitano e regista
Quartarone di gestire al meglio la sua distribuzione, i suoi attaccanti
non lo deludono e il punteggio arride loro che vanno prima sul 14-8 e poi
16-8. La partita continua ad essere a senso unico, l’Hydra allarga ancor
di più la forbice nel punteggio, 21-9 sempre con un De Luca in giornata di
grazia e si avvia verso il finale di match in scioltezza e tranquillità.
Gli ultimi scambi sono pura formalità per i ragazzi pontini, i ragazzi del
Tor Sapienza purtroppo per loro, pur recuperando qualcosa nel finale, non
impensieriscono più di tanto la Cis Hydra che grazie ad un attacco fuori
di Perez chiude il discorso sul 25-15.

Il Latina impatta 1-1 a Trapani, sedicesimo pareggio stagionale per i nerazzurri

Il Latina impatta 1-1 a Trapani, sedicesimo pareggio stagionale per i nerazzurri. Granata in vantaggio con Manconi al 12', pareggio pontino firmato Buonaiuto al 39'. Latina ancora in zona playout.

PRIMO TEMPO: Trapani in vantaggio al 12’ (con il Latina in momentanea inferiorità numerica: Di Matteo infortunato è fuori dal campo) grazie alla rete firmata da Manconi, che supera Pinsoglio con un violento destro dall’interno dell’area. Di Matteo nel frattempo è costretto ad abbondare il match, al suo posto entra Rolando. La reazione del Latina non è immediata, ma con il passare dei minuti i nerazzurri aumentano la pressione costringendo i granata nella propria metà campo. Dopo due occasioni fallite per un soffio da Bandinelli e Corvia, al 39’ arriva il meritato pari pontino: lo firma Buonaiuto, servito da Insigne, con un preciso colpo di testa. Al 42’ si pareggia anche il conto degli infortuni: stavolta a dover abbandonare il campo è Coronado, sostituito da Nizzetto. Dopo tre minuti di recupero termina il primo tempo.

SECONDO TEMPO: Avvio di ripresa favorevole al Trapani che esercita un buon possesso palla senza, però, creare particolari pericoli alla retroguardia nerazzurra. Oltre venticinque minuti scivolano via con i portieri inoperosi. Al 27’ il primo ad inquadrare la porta è Nizzetto: destro al volo, Pinsoglio fa buona guardia. Forcing finale dei granata, il Latina controlla senza correre rischi. Dopo tre minuti di recupero al Provinciale termina 1-1.

 

Prova di forza dell'Axed Group, Cogianco sconfitta 8-5

L'Axed Group conquista una grandissima vittoria interna contro la Cioli Cogianco Genzano dopo una vera battaglia. Finisce 8-5 per i pontini, capaci di disputare una partita di grande carattere e qualità. Un risultato di straordinaria importanza in ottica qualificazione ai play off.

PRIMO TEMPO I nerazzurri schierano Chinchio tra i pali, Avellino, Bernardez, Battistoni e Maina, mentre la Cioli Cogianco Genzano risponde con Basile in porta, Ippoliti, Fits, Luizinho, Ippoliti e Fusari.

La prima chance della gara è con Fusari dopo appena un minuto, con il numero 7 che di destro davanti a Chinchio non riesce a inquadrare la porta. Al 3'05'' però Luizinho non sbaglia con una conclusione al volo di sinistro dal limite che non lascia scampo all'estremo difensore nerazzurro. Ma dopo pochi secondi il Latina pareggia con Battistoni, abile a sfruttare un assist preciso di Bernardez autore di una azione personale da applausi. Al 7' poi è Pica Pau a sfiorare il vantaggio di testa su un errato retropassaggio degli ospiti, ma la sua incornata si stampa sulla traversa. Dopo appena 18 secondi Pol Pacheco riporta avanti la Cioli Cogianco Genzano con un diagonale sinistro potentissimo che Chinchio non riesce a disinnescare. Ma all'8'04'' Bernardez pareggia: cross di Avellino, dalla sinistra, conclusione al volo dello spagnolo intercettata da Basile, ma sul secondo tiro nulla può l'estremo difensore di Genzano. La gara è una continua altalena e al 9'37' la Cioli Cogianco si ritrova di nuovo avanti grazie alla rete di Fusari che da sinistra fa partire un diagonale imparabile sul secondo palo. Al 12' i nerazzurri pareggiano con Terenzi, bravissimo nel beffare sotto porta Basile su invito di Bernardez. Sempre lo spagnolo al 14'42'' segna la rete del primo vantaggio pontino, mettendo dentro a porta vuota sull'assist da destra di Maina. Le emozioni non finiscono el al 16'27'' sulla conclusione di Luizinho deviata involontariamente da Avellino arriva il pari ospite. Ma il Latina reagisce subito e dopo pochi istanti trova il nuovo vantaggio con Battistoni, che sigla così la doppietta personale.

 

SECONDO TEMPO Ad inizio ripresa sugli sviluppi di un corner Yeray pareeggia subito i conti e poco dopo Basile si supera su una conclusione a botta sicura di Avellino. Il match è sempre vibrante e al 2'24'' Maina trova la rete del 6-5 con un sinistro potente su cui Basile ha più di qualche responsabilità. Venti secondi dopo Terenzi, già ammonito, commette una ingenuità e viene espulso. La Cioli Cogianco attacca a testa bassa e Chinchio è super sulla botta da distanza ravvicinata di Fusari. Il Latina difende con l'uomo in meno e quando torna in parità numerica colpisce un palo clamoroso con Avellino. I nerazzurri continuano ad attaccare e colpiscono un altro palo al 10', stavolta con Amoedo. La Cioli schiera il portiere di movimento e il Latina non perdona. Avellino segna su tiro libero al 17'55 e poi in contropiede va a siglare l'ottava rete per i nerazzurri che portano così a casa un successo di fondamentale importanza. Il match si chiude 8-5.

Sconfitta amara per l'Antares

Nuova battuta di arresto nella sesta giornata del Campionato di Serie B Nazionale Girone 3 per l’Antares Nuoto Latina che nella piscina dei mosaici lascia l’intera posta in palio ai biancocelesti della Lazio Waterpolo. Una sconfitta di misura per 9 a 8 che lascia l’amaro in bocca ai ragazzi del Presidentissimo Alberico Davoli perché giunta al termine di una gara altalenante con i pontini che avevano raddrizzato il punteggio a 1’ circa dalla fine dell’incontro.  A rovinare il tutto ci pensava l’arbitro sig. Lepre di Napoli il quale, con una delle sue originali interpretazioni, regalava a  44’’ dal termine (palla recuperata dall'Antares) un’espulsione a favore dei locali, sfruttata a dovere da quest’ultimi per il gol della vittoria.

 

Sottoscrivi questo feed RSS

Entra or Registrati

Hai un profilo Facebook?

Usa il tuo account Facebook per entrare in SportLatina.

fb iconEntra con Facebook

ENTRA