SLT | Sport Latina | Us Latina Calcio | Serie B | Top Volley | Latina Basket | Latina Calcio a 5 & more...

A+ A A-
Riccardo De Angelis

Riccardo De Angelis

URL del sito web:

Latina reagisce tardi, Agropoli vince 84-78

Agropoli domina a lungo, Latina si rifà sotto nei minuti finali ma non basta: decisive le prove di Trasolini e Roderick (48 punti e 28 rimbalzi in due). Ancora aperti i giochi sia nella zona play-out che in quella play-off.

 

La Benacquista cade sul campo di Agropoli al termine di una partita dominata dai padroni di casa per gran parte della sua durata.

L'incontro comincia piuttosto bene per Latina: il primo quarto è equilibrato e i pontini riescono a chiuderlo sul +2 con ben 7 giocatori diversi a segno durante la frazione. Il quarto seguente, invece, è un incubo per i nerazzurri: Agropoli mette a segno un tremendo 16-2 (9 di Trasolini, 5 di Romeo e 2 di Roderick) che fa volare i cilentani sul 34-22 dopo 3'43. Latina tira malissimo dal campo (3/20 nella frazione) e va presto in bonus consentendo ai padroni di casa di andare negli spogliatoi sul 43-28.

La Benacquista comincia bene il terzo quarto rosicchiando 4 punti agli avversari nei primi 3' nonostante un Terrence Roderick molto in palla (49-38). Ihedioha e Grande provano a tenere a galla i pontini ma, nel frattempo, Trasolini e Di Prampero riportano Agropoli su un largo margine di vantaggio (58-40, -4'48) che raggiunge il suo massimo grazie a un canestro del classe '97 Bovo (66-46, -59"). Il quarto si chiude sul 67-50.

Agropoli non sembra avere problemi nel gestire il vantaggio durante la prima metà della frazione conclusiva (78-59, -4'28) ma si ritrova a spendere moltissimi falli e subisce la veemente reazione pontina. In poco più di un minuto, Lilov segna ben 8 punti (78-67, -2'25), Roderick e Trasolini provano a tenere la propria squadra sulla doppia cifra di vantaggio ma devono fare i conti con un Alessandro Grande scatenato: è lui a piazzare due triple in rapida successione e l'assist a Novacic per il -6 a 54" dalla fine. Nell'azione successiva, Roderick non trova il canestro mentre Grande, allo scadere dei 24 secondi, porta i nerazzurri sul -4 (82-78, -14"). Novacic manda in lunetta l'ex Santolamazza che non sbaglia: il suo 2/2 a 8" dal termine permette ad Agropoli di vincere una gara a lungo dominata.

Dati i successi di Roma (a sorpresa su Scafati), Rieti e Reggio Calabria, il discorso play-out resta quanto mai aperto. Nel frattempo, Biella ha inaspettatamente perso in casa il derby piemontese con Omegna, lasciando così ai pontini ancora qualche (seppur debole) speranza di agguantare il treno play-off.

Esiste una forbice di appena 4 punti fra l'ottavo posto (l'ultimo valido per partecipare i play-off) e il terzultimo (che implica dover disputare i play-out) che coinvolge ben 7 squadre: Latina si trova ora proprio nel bel mezzo di questo intricatissimo finale di stagione regolare. Fondamentale sarà la prossima gara casalinga con Casalpusterlengo (sabato 23 aprile, ore 21) in quello che sarà una sorta di spareggio-salvezza.

 

BCC AGROPOLI - BENACQUISTA LATINA 84-78 (18-20, 25-8; 24-22, 17-28)

AGROPOLI: Romeo 5, Santolamazza 7, Guaccio, Manfrè NE, Bolpin 5, De Paoli, Trasolini 26, Spizzichini 4, Stano 2, Di Prampero 7, Roderick 22, Bovo 6.

LATINA: Grande 14, Tavernelli 3, Tagliabue, Novacic 14, Fall 8, Ihedioha 14, Uglietti 7, Mei, Pastore 1, Di Ianni NE, Lilov 17.

Gramenzi: «Nessuno può sbagliare»

Ottanta minuti per allontanare un incubo e inseguire un sogno: la Benacquista sarà impegnata domani sera alle 20 sul difficile campo di Agropoli (5° in classifica con 34 punti) con l'obiettivo di scacciare definitivamente il pericolo playout e continuare a rincorrere un posto - difficile ma tutt'altro che impossibile - nei playoff.

Il Latina Basket è attualmente 9° nella classifica del Girone Ovest a quota 26 punti: con Barcellona già retrocessa e Omegna già sicura di dover disputare i playout, rimane da vedere chi farà compagnia ai piemontesi e alle due del Girone Est (Recanati e Jesi) nelle gare a eliminazione diretta in cui si decideranno la salvezza dalla B. L'obiettivo principale per i ragazzi di coach Gramenzi è dunque evitare di farsi scavalcare dalla Junior Casale (26 punti) e dalle quattro squadre attualmente a quota 24 (Roma, Rieti, Casalpusterlengo e Reggio Calabria). Missione assolutamente a portata di mano ma che, per essere compiuta, necessita la massima concentrazione.

D'altro canto, la posizione in classifica dei nerazzurri permette di sognare ancora qualcosa di più: Trapani e Biella (rispettivamente al 7° e 8° posto) sono a soli due punti di distanza. Latina gode del vantaggio negli scontri diretti con entrambe le formazioni: agganciarne anche solo una significherebbe allungare la stagione verso traguardi più nobili della lotta-salvezza. Biella giocherà domani in casa con Omegna e poi in trasferta a Siena, mentre Trapani sarà impegnata in due derby siciliani molto diversi per motivazioni in campo: domani in trasferta ad Agrigento e poi in casa contro Barcellona. Sia Biella che Trapani dovranno dunque disputare una gara su due contro squadre già certe del proprio destino: la rimonta pontina pare perciò non semplice ma di sicuro, in questa A2, l'equilibrio è grande e le sorprese sono sempre dietro l'angolo.

Per quanto riguarda il match di domani, pur dovendo scontare diversi acciacchi - problemi muscolari in settimana per Tavernelli e Grande, Mei con la febbre - Latina sarà al completo mentre Agropoli non potrà contare su due pedine importanti, Jonathan Tavernari e Giovanni Carenza.

Queste le parole di coach Franco Gramenzi in vista dell'impegno di domani sera: «In questa fase della stagione, e tenendo conto della corta classifica del girone, ci si trova nella posizione in cui nessuno può permettersi di sbagliare. Nel nostro caso in particolare, c’impegneremo al massimo per cercare di scongiurare al più presto la minaccia dei playout. La partita di domenica sarà difficilissima, affronteremo Agropoli una squadra che ha disputato un grandissimo campionato in modo inaspettato e smentendo ogni tipo di pronostico d’inizio stagione. È una formazione che ha dimostrato in tante occasioni di essere molto pericolosa e che sul proprio campo diventa ancora più ostica. Agropoli merita i complimenti per il grande lavoro fatto e tutto il nostro rispetto, si tratta di un avversario da non sottovalutare assolutamente, poiché è una squadra che è riuscita a conquistare punti preziosi anche quando si è trovata in forze ridotte. Per quanto ci riguarda non abbiamo alternative, dobbiamo provare a vincere perché dipende tutto da noi e dai risultati che otterremo nelle ultime due partite della regular season. Siamo reduci da una settimana di allenamento intenso per prepararci al meglio alla gara, anche se Tavernelli e Grande, hanno avuto dei problemi muscolari che li hanno costretti a rimanere fermi per alcuni giorni e Nicola Mei, febbricitante, non ha potuto prendere parte alle sedute di allenamento di giovedì. Per poter conquistare i due punti in palio, domenica sarà necessaria davvero una grande prestazione e noi scenderemo sul parquet con tutto l’impegno e l’energia possibili.»

Latina dovrà sicuramente tenere un occhio di riguardo su due giocatori in particolare: l'ala-pivot italocanadese Marc Trasolini - uno dei migliori giocatori del campionato che al momento viaggia a 21.6 punti e 9.4 rimbalzi di media - e il funambolico Terrence Roderick, autore quest'anno di tante giocate spettacolari: per lui 18.6 punti, 6.8 rimbalzi e 5.3 assist di media finora.

Latina-Roma 90-85: la parola ai coach

Abbiamo scambiato due parole con coach Franco Gramenzi a fine partita, qui le sue impressioni:
 
- Sembrava che Roma potesse scappare via alla fine del 3Q ma poi Lilov ha messo due canestri in fila in chiusura di frazione: cos'è che ha permesso a Latina di tenere i nervi saldi e andare avanti nel 4Q?
 
«Rispetto al resto della gara li abbiamo tenuti di più sotto canestro, forse perché erano più stanchi. Noi abbiamo rischiato giocando con quattro piccoli quando eravamo sotto, però alla fine questa scelta ha ripagato in attacco, dove abbiamo aperto di più il campo.»
 
- Sicuramente aver ritrovato buone percentuali da 3 nell'ultimo quarto ha aiutato...
 
«Sì, noi siamo una squadra molto perimetrale. Loro hanno provato a difendere a zona sia all'inizio dell'incontro che alla fine del 2Q, e siccome lì gli era andata bene, l'hanno riproposta all'inizio del 3Q: all'inizio abbiamo attaccato bene, poi abbiamo fatto qualche errore andando sotto nel punteggio e sbagliando anche un paio di tiri aperti. Ci sta. Comunque siamo rimasti sul pezzo: sul -7, dopo il timeout, la squadra piano piano è rientrata e avuto la capacità di stare lì. Devo dire che il nuovo arrivato, Lilov, è stato determinante.»
 
- L'impatto dei neoarrivati, Lilov e Fall, è stato buono, il che non è mai scontato...
 
«Hanno avuto un buon impatto, ci hanno aiutato moltissimo. Sicuramente bravi tutti ma questi due, dopo che Mosley è andato via, sono stati molto utili per vincere questa partita. Ringrazio la società perché, nel momento in cui si è presentata l'occasione di prendere Lilov, è stato fatto immediatamente. Ci eravamo riproposti di andare sul mercato dopo aver aspettato di vedere come andava questa partita, invece poi abbiamo deciso di farlo immediatamente per cogliere questa opportunità: devo dire che la società è stata partecipe e ha assecondato le scelte dello staff.»
 
 
 
Queste le dichiarazioni di Attilio Caja (Virtus Roma) nel post partita:

«Si tratta di un film già visto, lavoriamo con tanta buona volontà e disponibilità e lo dimostriamo sia in settimana che in ogni partita. Purtroppo abbiamo delle lacune nella gestione dei momenti più delicati che non riusciamo proprio a tenere, commettendo invece diversi errori. Lascio in campo i giocatori più esperti perché penso possano dare un contributo, fanno tante buone cose ma poi in un momento commettiamo diversi errori nel giro di pochi secondi. Il nostro problema è che non puoi stare +10 in ogni partita, se sei avanti di due-tre punti e sbagli un paio di possessi viene fuori un film già visto. C'è molto rammarico, ma dobbiamo andare avanti per cercare di fare ancora un risultato positivo nelle prossime due difficili partite e portare la barca in porto.»

Il derby è pontino: Latina batte Roma 90-85

Vittoria cruciale per la Benacquista Latina che, sconfiggendo la Virtus Roma nel derby laziale, segna un passo importantissimo per allontanarsi dalle sabbie mobili della zona play-out.

Latina conduce per tutta la prima frazione senza però mai riuscire a distanziare gli avversari oltre i due possessi di distanza. Molto positivo l'impatto di Ihedioha (7 punti nel 1° quarto) così come quello di un Uglietti on fire in attacco (8 punti con 3/4 dal campo nei primi 10') e incisivo in marcatura su Voskuil. Per Roma risulta ancora una volta vitale il contributo di un Olasewere devastante (22 punti senza errori dal campo e 6 rimbalzi nei primi due quarti), assoluto padrone di un pitturato che Latina fatica enormemente a presidiare. I pontini chiudono comunque il 1° quarto in vantaggio di un punto (25-24).

Il 2° quarto è contrassegnato da un assoluto equilibrio e moltissimi avvicendamenti nella conduzione del punteggio (ben 11 nel solo 2Q). Roma punta tutte le sue fortune offensive su Olasewere e su Voskuil (quest'ultimo letale nella frazione: 13 punti all'intervallo lungo), mentre Latina trova ottimi contributi da parte di Pastore e di Tavernelli (9 punti a testa dopo i primi due quarti). Si va negli spogliatoi sul 47-49 grazie ad un canestro del solito Olasewere a 35'' dal termine.

Nella ripresa, parte bene la Benacquista con un 4-0 nei primi 90'' di gioco, Roma inizialmente gioca piuttosto male in attacco e si tiene a contatto nel punteggio grazie ai rimbalzi offensivi mentre Latina sembra poter attaccare il canestro con maggior efficacia: Tavernelli prima trova un canestro in penetrazione e poi pesca Uglietti in back door (60-59, -5'12). L'equilibrio continua a regnare sovrano ma durante gli ultimi due minuti e mezzo, Roma sembra poter svoltare la partita: Maresca trova il jumper del +2 a 2'27 dal termine, poi Callahan, con una gran tripla centrale, sigla il 62-69 a 34'' dalla fine. Roma sembra sul punto di poter scappare ma Lilov trova due canestri consecutivi che consentono ai pontini di affrontare l'ultima frazione con un solo possesso di svantaggio (66-69).

Nell'ultimo quarto la Virtus comincia col piede giusto grazie a un 4-0 firmato Bonfiglio e Olasewere dopo meno di un minuto. Latina, però, reagisce prontamente, spinta da un grande Novacic che sigla 7 punti nella prima metà della frazione e costringe coach Caja a chiamare timeout sul 76-77 (-5'49). La Benacquista, che ha faticato nel centrare il bersaglio dal perimetro nei due quarti centrali, si sblocca nuovamente: a 3'22 dal termine Uglietti - sempre molto positivo - trova la tripla del pareggio a quota 79. Olasewere fa 1/2 ai liberi e ci pensano i due neoarrivati Lilov e Fall a segnare sorpasso e allungo nerazzuro (84-80, -1'44). Roma si riporta a due punti di distanza ma capitan Tavernelli, spedito in lunetta a 23'' dalla fine, è glaciale e con un 2/2 riporta Latina a due possessi di vantaggio (87-83). Roma cerca un tiro rapido, Voskuil sbaglia due volte consecutivamente ma sul secondo rimbalzo Tavernelli è il più veloce, subisce fallo da Callahan e allunga ulteriormente con un 1/2 (88-83, -11''). Voskuil prima e Uglietti poi sulla sirena fissano il punteggio finale sul 90-85.

Migliore in campo per Latina: Lorenzo Uglietti, autore di una prova assolutamente incisiva su entrambi i lati del campo (17 punti, 5 rimbalzi e 6 assist). Determinanti anche Riccardo Tavernelli (14 punti e 8 assist) e Ivan Novacic (15 punti e 6 rimbalzi). Molto bene i due nuovi acquisti Lilov (12 punti) e Fall (7 punti e 4 rimbalzi).

Gran losing effort di Jamal Olasewere, già in doppia doppia al termine del terzo quarto (34 punti e 15 rimbalzi per lui alla fine). In doppia cifra anche Craig Callahan (18) autore di un gran terzo quarto e Alan Voskuil (15), immarcabile nel secondo periodo ma in sostanza invisibile nel resto dell'incontro.

 

Sottoscrivi questo feed RSS

Entra or Registrati

Hai un profilo Facebook?

Usa il tuo account Facebook per entrare in SportLatina.

fb iconEntra con Facebook

ENTRA